• Bandi vari: Dote Sport, Turismo, Fotovoltaico, Inserimento lavorativo donne

    • Bando Dote Sport 2017 (Decreto 10437 del 30 agosto 2017)

      • Finalità: contributo per sostenere i costi sostenuti per le attività sportive dei minori di età compresa fra 6 e 17 anni compiuti o da compiere entro il 31/12/2017. Le attività devono: prevedere il pagamento di quote di iscrizione e/o di frequenza; avere una durata continuativa di almeno sei mesi; essere svolte da associazioni o società sportive dilettantistiche iscritte ai registri Coni e/o CIP o affiliate a Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate, Enti di Promozione Sportiva, Federazioni Sportive Paralimpiche, Federazioni Sportive Nazionali Paralimpiche, Discipline Sportive Paralimpiche, Discipline Sportive Associate Paralimpiche o da soggetti gestori di impianti società in house (a totale partecipazione pubblica) di enti locali lombardi. Sono comprese le associazioni benemerite riconosciute dal Coni. La Dote Sport è un rimborso, delle spese sostenute dalle famiglie nel periodo settembre 2017 – giugno 2018, per l’attività sportiva dei minori. Ciascuna famiglia potrà beneficiare di una sola Dote, del valore minimo di 50 e massimo di 200 euro. Nei casi di nuclei familiari con più di 3 minori, sono assegnabili un numero massimo di 2 Doti. Nessuna limitazione al numero di doti è prevista in caso di nuclei familiari con un minore diversamente abile.
      • Beneficiari: nuclei familiari: in cui almeno uno dei due genitori (o tutore), sia residente in modo continuativo da almeno 5 anni in Lombardia, alla data di scadenza del Bando; che alla presentazione della domanda siano in possesso di un indicatore ISEE non superiore a € 20.000,00 o non superiore a € 30.000,00, nel caso di nuclei familiari in cui è presente un minore diversamente abile.
      • Scadenza: presentazione domande dalle ore 12:00 del 18/09/2017 fino alle ore 16:00 del 31/10/2017.
      • Link: http://bit.ly/2xQYRRm
    • Bando per la valorizzazione ed innovazione delle strutture di informazione ed accoglienza turistica (Dduo 4 agosto 2017 – n. 9776 )

      • Finalità: sostenere l’innovazione organizzativa, di processo e tecnologica delle strutture di informazione e accoglienza turistica riconosciute come infopoint standard dalla Direzione Generale competente di Regione Lombardia al fine di rendere i servizi offerti più innovativi, efficaci ed efficienti rispetto alle esigenze del turista – consumatore, nonché un sostegno alla loro gestione per assicurare una maggior presenza di personale e orari di apertura prolungati rispetto a quelli ordinari. Il contributo concesso non potrà essere superiore a € 50.000,00 sulla Linea 1- Infrastrutturale e € 14.000,00 sulla Linea 2 -Gestione, per un’intensità d’aiuto pari al 70% della spesa complessiva ammissibile.
      • Beneficiari: Possono presentare domanda i soggetti gestori delle strutture di informazione ed accoglienza turistica riconosciute come infopoint standard (vedi elenco nella pagina Infopoint) dalla Direzione Generale competente di Regione Lombardia alla data di presentazione della richiesta di contributo;
      • Scadenza: dalle ore 14,00 del 18 settembre 2017 alle ore 12,00 del 31 ottobre 2017 -Fase di acquisizione delle proposte progettuali preliminari; dalle ore 10,00 del 16 novembre 2017 alle ore 12,00 del 25 gennaio 2018 – Fase di acquisizione delle proposte progettuali finali.
      • Link: http://bit.ly/2wUPFLG
    • Incentivazione per la diffusione dei sistemi di accumulo di energia elettrica da impianti fotovoltaici (Decreto n. 10740 del 07/09/2017)

      • Finalità: Incentivazione per l’acquisto e l’installazione di sistemi di accumulo da impianti fotovoltaici, rivolto solo a privati cittadini residenti in Regione Lombardia. Il contributo erogato è a fondo perduto, con un importo variabile fino al 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di un sistema di accumulo a servizio di un impianto solare fotovoltaico di utenza domestica. Il contributo massimo concedibile è pari a € 3.000,00 ed è la somma di due quote: la quota A, dipendente dall’efficienza del sistema di accumulo (calcolata con parametri tecnici del sistema) e la quota B, relativa al costo sostenuto per l’installazione. Sono ammissibili i costi sostenuti a partire dal 3 febbraio 2016.
      • Beneficiari: privati cittadini che sono titolari, ovvero che saranno titolari, di un impianto fotovoltaico installato su edifici o a terra nel territorio della Regione Lombardia, per l’acquisto e installazione di un sistema di accumulo di energia elettrica prodotta dal medesimo impianto fotovoltaico.
      • La domanda di partecipazione può essere presentata esclusivamente dal titolare dell’impianto fotovoltaico che ha sostenuto o sosterrà la spesa per l’acquisto e installazione del sistema di accumulo di cui sopra e sia quindi intestatario delle relative fatture e bonifici di pagamento.
      • Scadenza: a partire dalle ore 12.00 del 21 settembre 2017 e fino alle ore 12.00 del 28 settembre 2017, salvo esaurimento risorse (lista d’attesa inclusa)
      • Link: http://bit.ly/2vLWGg1

     

    •  Progetti finalizzati all’inserimento lavorativo e dell’autonomia abitativa delle donne vittime di violenza (Decreto n. 9674 del 3.8.2017)

      • Finalità: sviluppo e sostegno di azioni volte a promuovere percorsi volti all’inserimento lavorativo e all’autonomia abitativa delle donne vittime di violenza prese in carico dalle Reti territoriali interistituzionali antiviolenza attive sul territorio regionale, attraverso due specifiche linee d’azioneA) inserimento lavorativo delle donne vittime di violenza; B) Interventi finalizzati all’autonomia abitativa per le donne vittime di violenza
      • Beneficiarie: Azione A) donne, vittime di violenza prese in carico dai Centri antiviolenza con cui i comuni capifila delle Reti territoriali interistituzionali hanno attivato apposite convenzioni, disoccupate o inoccupate il cui progetto personalizzato di fuoriuscita dalla violenza preveda la riqualificazione e l’inserimento lavorativo; oppure occupate il cui progetto personalizzato preveda il miglioramento della condizione economica e professionale. Sarà data priorità alla presenza di figli/e minori o disabili, all’inserimento in una casa-rifugio o struttura di accoglienza, alla condizione di disoccupazione. Azione B) donne prese in carico dai Centri antiviolenza che non dispongono di un alloggio o il cui alloggio è divenuto impraticabile per ragioni di sicurezza personale. Sarà data priorità alla presenza di figli/e minori o disabili, all’inserimento in una casa-rifugio o struttura di accoglienza, alle condizioni economiche di maggiore svantaggio.
      • Possono presentare domanda di finanziamento esclusivamente i Comuni capifila di Reti territoriali antiviolenza attive sul territorio regionale che sottoscriveranno accordi di collaborazione con la Regione ai sensi della d.g.r. n. 6714 del 14 giugno 2017
      • Scadenza: 31 ottobre 2017
      • Link: http://bit.ly/2wAamLt