• Consumo di suolo e rigenerazione urbana

    Questa mattina si è tenuto un convegno organizzato da Pd e Patto civico sul tema del “Consumo di suolo e rigenerazione urbana”. L’occasione è servita per fare il punto sul lavoro che la Commissione Territorio sarà chiamato a svolgere in previsione dell’ approvazione in aula della legge che andrà a contrastare il consumo di suolo previsto per il prossimo 8 luglio.

    “Il nostro obiettivo è quello di arrivare a luglio con una legge che riesca ad incidere davvero – ha dichiarato il consigliere regionale del PD Jacopo Scandella, promotore dell’ iniziativa -. I tempi sono molto stretti: in Commissione Territorio stiamo lavorando su quattro proposte di legge difficilmente comparabili perché molto diverse tra loro. Se la Giunta vuole approvare in tempi brevi un provvedimento spot che porti ad un risultato parziale per il  contenimento del consumo di suolo noi non ci stiamo”.

    Tre i punti su cui insistono il Pd e Patto civico ed enunciati questa mattina agli addetti ai lavori presenti al convegno. “Noi abbiamo in mente un modello legislativo preciso che miri a definire i confini del tessuto urbano consolidato e che dia ampia autonomia al comune nel definire le strategie per limitare il consumo di suolo e rigenerare l’esistente – spiega Scandella -. Il suolo per noi è un bene comune e come tale il suo consumo va deciso a livello di area vasta ovvero concertato con i comuni limitrofi, per evitare che le scelte dei singoli enti abbiano ricadute anche al di là dei confini amministrativi. Infine per noi è importante che si vada a lavorare adesso sui residui, cioè su quei 414 milioni di metri quadri già resi edificabili dai pgt approvati dai comuni lombardi. Noi lavoreremo affinché questi punti per noi imprescindibili vengano inseriti nel testo che approderà in Aula tra due mesi. Il meccanismo delle quote previste alla Giunta per noi è insufficiente perché rimanda tra tre anni una normativa stringente sul consumo di suolo”.

    Milano, 9 maggio 2014