• La Regione accompagni il blocco dei diesel euro 3 con incentivi per sostituire le auto

    CS Smog: la Regione accompagni il blocco dei diesel euro 3 con incentivi per sostituire le auto

    Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

    COMUNICATO STAMPA

    Smog

    SCANDELLA (PD): “LA REGIONE ACCOMPAGNI IL BLOCCO DEI DIESEL EURO 3 CON INCENTIVI PER SOSTITUIRE LE AUTO”

    “Il blocco dei diesel euro 3 deve essere accompagnato da incentivi adeguati perché le politiche ambientali per funzionare devono essere economicamente sostenibili. Ci sono molti cittadini, molti artigiani e commercianti che utilizzano il mezzo per motivi di lavoro e che saranno in seria difficoltà, soprattutto in questo momento, a sostituire il proprio veicolo con uno meno inquinante. Non servono contributi a pioggia, ma incentivi ben indirizzati a chi ha effettivamente bisogno e la Regione deve fare la propria parte”, lo dichiara Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd e capogruppo in VI Commissione Ambiente del Consiglio regionale, in merito all’annuncio dell’assessore all’Ambiente Terzi del blocco degli euro 3 diesel per il periodo invernale a partire da ottobre 2016.

    Milano, 13 gennaio 2016

  • Rosso di sera, la puntata dell’11 gennaio 2016

    Il materiale relativo alla quinta puntata di “Rosso di Sera”, la prima del 2016, trasmissione del Pd Valle Seriana a cura del consigliere regionale Jacopo Scandella.

    Il filmato della puntata:

    Jacopo Scandella ospita l’on.Antonio Misiani che parla delle misure sociali inserite nella Legge di Stabilità (700 mln nel 2016), l’abolizione del Patto di Stabilità per i Comuni, le risorse per le Province e le Città Metropolitane, le risorse per le piccole medie imprese con la proroga del bonus per la ristrutturazione e per il risparmio energetico. “Lucius in Fabula” di Lucio Imberti ospita, invece, Angelo Carrara, presidente di Confartigianato Bergamo. Si discute dell’artigianato e della ripresa del lavoro in Valle Seriana. Riqualificazione energetica, le opportunità della Legge di Stabilità 2016 con i relativi incentivi, le attività di Confartigianato per gli iscritti:

  • Mozione su monitoraggio tirocini

    La mozione sul monitoraggio tirocini avente primo firmatario il consigliere regionale Jacopo Scandella.


    MOZIONE

    Regione Lombardia

    Al Presidente del Consiglio regionale

    Oggetto: Monitoraggio Tirocini

    Il Consiglio regionale della Lombardia

    Premesso che la Legge Regionale 28 settembre 2006, n° 22 “li mercato del lavoro in Lombardia”ed in particolare l’art. 18 co. 1e co.2, attribuisce alla Regione la competenza a disciplinare i criteri per la realizzazione dei tirocini formativi e di orientamento, sentiti la Commissione consiliare competente, il Comitato Istituzionale di Coordinamento e la Commissione Regionale per le Politiche del Lavoro e della Formazione;

    Visto che la Legge Regionale 6 agosto 2007, n° 19 “Norme sul sistema educat ivo di istruzione e formazione della regione Lombardia” e successive modifiche e integrazioni, ed in particolare l’articolo 21, comma 4, prevede che si possano svolgere percorsi formativi attraverso l’alternanza di studio e lavoro, nelle sue diverse modalità e forme di inserimento nelle realtà culturali, sociali, produttive,professionali e dei servizi,comprese quelle del tirocinio formativo;

    Preso atto della DGR n. 614 del 06/09/2014 “Indirizzi regionali in materia di tirocini” (richiesta di parere alla commissione consiliare) che approvava la proposta di indirizzi regionale e trasmetteva il provvedimento al Presidente del Consiglio regionale;

    Rilevato che all’art. 5 dell’ALLEGATO A della DGR X/825 “Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini – (a seguito di parere alla commissione consiliare)” si prevede che “La Regione promuove un monitoraggio sistematico dei tirocini e degli eventuali inserimenti lavorativi post tirocinio, anche attraverso l’analisi delle comunicazioni obbligatorie. Sulla base di questo monitoraggio sarà redatto un rap porto annuale, pubblicato sul sito Web della Direzione Generale competente. Ulteriori forme di monitorag gio saranno previste in conformità alle disposizioni di cui all’articolo 1, comma 2, della legge 28 giugno 2012, n. 92.”

    Considerata l’interrogazione a risposta immediata n. 1221 con la quale si chiedeva all’Assessore competente “se il monitoraggio di cui all’art. 5 de/i’ALLEGATO A della DGR X/825 è stato eseguito e, nel caso, se e dove è stato pubblicato sul Sito Web della Direzione Generale Istruzione, Formazione e Lavoro.”

    Verificata la risposta dell’Assessore secondo la quale il monitoraggio previsto dalla legge è stato evaso all’interno del paragrafo 4.5 del Rapporto 2014 dell’Osservatorio del mercato del lavoro e della formazione.

    IMPEGNA LA GIUNTA REGIONALE:

    a far si che il monitoraggio di cui all’art. 5 dell’allegato A della DGR X/825 non si esaurisca in una sintesi all’interno del Rapporto annuale del mercato del lavoro e della formazione, ma in una approfondita e puntuale relazione da pubblicarsi sul sito web della Direzione Generale competente arricchita anche da una analisi del livello di trasformazione dei tirocini in rapporti di lavoro.

    ad incentivare e favorire la creazione di Osservatori provinciali dei tirocini con la partecipazione dei rappresentanti provinciali del mondo del lavoro tra cui le 00.55 dei lavoratori, le Associazioni di categoria e gli Enti Accreditati ai servizi per la formazione ed il lavoro.

    Milano, 07 gennaio 2016

    Firmatari: Jacopo Scandella, Onorio Rosati, Mario Barboni, Enrico Brambilla.


    I documenti PDF: MOZ-545-testo-presentato

  • Rosso di sera, la puntata del 28 dicembre 2015

    Il materiale relativo alla quarta puntata di “Rosso di Sera”, trasmissione del Pd Valle Seriana a cura del consigliere regionale Jacopo Scandella.

    Il filmato della puntata:

    Tema della quarta puntata di “Rosso di Sera” è la legge di stabilità recentemente approvata dal Governo, intesa non nei “grandi numeri” ma negli effetti pratici della stessa nella vita dei cittadini di tutti i giorni. IMU e TASI abolite, IRAP agricola abolita, il ruolo del sociale, il leasing per le giovani coppie, gli incentivi fiscali nel mondo del lavoro, il Patto di Stabilità abolito per i Comuni, il ruolo della montagna e tante altre novità.

    Quarto appuntamento con “Lucius in Fabula” di Lucio Imberti, questa volta in compagni di Beppe Guerini, presidente nazionale di Federsolidarietà (www.federsolidarieta.confcooperative.it) e di Confcooperative Bergamo (www.bergamo.confcooperative.it). Il video della clip:

  • 500mila Euro in più alle Comunità Montane solo grazie al PD

    COMUNICATO STAMPA

    Comunità montane
    SCANDELLA (PD): “500MILA EURO IN PIÙ SOLO GRAZIE AI VOTI DEL PD”

    Altri 500mila euro per le Comunità montane che vanno ad aggiungersi ai 10 milioni già previsti. “Non molto, ma è sempre un aiuto in più per la montagna, che è passato solo grazie ai voti del Pd”, lo fa sapere Jacopo Scandella, consigliere regionale del Pd, raccontando quanto avvenuto questo pomeriggio, nell’Aula del Consiglio regionale, durante la discussione sul bilancio.

    “Il consigliere Bianchi, della Lega, ha presentato un emendamento che chiedeva di stanziare un ulteriore mezzo milione per le Comunità montane – aggiunge Scandella -. Ma quando è stato il momento di discuterlo e votarlo, si è scontrato con la contrarietà del suo assessore all’Economia Garavaglia che gliel’avrebbe volentieri bocciato. Solo grazie alla nostra insistenza e al nostro voto favorevole, questo emendamento è stato approvato dall’Aula e siamo riusciti a far aggiungere risorse a quell’importante capitolo. Non è stato lo stesso per larga parte della maggioranza di centrodestra: su 35 voti favorevoli soltanto 8 venivano dalla maggioranza. Mancavano all’appello anche molti consiglieri che provengono dai territori montani. La maggior parte della Lega, la totalità di Forza Italia e di Ncd hanno dimostrato ancora una volta di non avere alcun interesse per il destino della montagna”.

    Milano, 23 dicembre 2015

  • Dote sport: intervento SPOT della Lega che scontenta gran parte delle famiglie

    Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

    COMUNICATO STAMPA

    Dote sport
    SCANDELLA (PD): “INTERVENTO SPOT DELLA LEGA CHE SCONTENTA GRAN PARTE DELLE FAMIGLIE”

    Una presa in giro per le famiglie. Un intervento che così com’è sarebbe meglio non fare, perché lascia fuori il 90 per cento degli interessati. È stato perentorio Jacopo Scandella, consigliere regionale del Pd, quando questo pomeriggio è intervenuto per presentare l’emendamento su dote sport, nelle more della discussione del bilancio regionale, in Consiglio regionale.

    “Dote sport è una sorta di sperimentazione di Regione Lombardia che vuol dare l’opportunità di praticare l’attività fisica anche ai ragazzi le cui famiglie non possono sostenere le spese, che di questi tempi non è poco – spiega Scandella -. Ma a bilancio sono stati stanziati 2 milioni di euro, suddivisi su due anni. Da quanto ci viene detto dai Comuni, che partecipano al bando e hanno il compito di redistribuire le risorse sulle loro comunità, praticamente il 90 per cento dei richiedenti rimane tagliato fuori, perché la cifra, per una regione da 10 milioni di abitanti, è davvero esigua”.

    Il Gruppo del Pd ha presentato, perciò, un emendamento “per aumentare di 4 milioni di euro il capitolo relativo a dote sport, ma la Regione ce lo ha bocciato, sostenendo di averci già pensato – racconta Scandella -. L’assessore al Bilancio Garavaglia si è vantato di aver aggiunto ‘ben’ 200mila euro, come se potessero davvero cambiare il sostegno. Insomma, dote sport è il solito intervento spot della Lega che prima fa le cose, poi ci ripensa. A questo punto è meglio non farlo perché, distribuendo briciole, scontenta la maggioranza dei cittadini”.

    Milano, 23 dicembre 2015

  • La Lega insiste: niente profughi nelle strutture

    Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

    COMUNICATO STAMPA

    Parchi
    SCANDELLA (PD): “LA LEGA INSISTE: NIENTE PROFUGHI NELLE STRUTTURE. O SI PERDONO GLI INVESTIMENTI”

    “Nonostante il Consiglio abbia annullato la decisione della Giunta di introdurre limitazioni all’accesso alle risorse regionali per i parchi che dovessero ospitare nelle loro strutture profughi e richiedenti asilo, la Lega ci riprova”, è preoccupato Jacopo Scandella, consigliere regionale del Pd, per l’approvazione dell’emendamento del Carroccio al collegato alla finanziaria regionale, in discussione oggi, martedì 22 dicembre 2015, che cerca di ripristinare le penalizzazioni previste dalla delibera di Giunta sui contributi regionali ai parchi.

    “Invece di bloccare il fondo ordinario, che sarebbe stato ben più pericoloso, perché in grado di impedire tutte le attività degli enti parco, frenano gli investimenti, che per queste realtà rimangono comunque importanti”, aggiunge Scandella.

    Milano, 22 dicembre 2015

  • Report settimana 14 dicembre – 18 dicembre 2015

     

    I Commissione

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente A. COLUCCI

    Vicepresidente M. TIZZONI

    Consigliere Segretario S. BUFFAGNI

     

    II Commissione

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente C. S. MALVEZZI

    Vicepresidente F. PIZZUL

    Consigliere Segretario S. SANTISI SAITA

     

    III Commissione

    Lunedì. In programma diverse audizioni. La prima ha visto i vertici di Infrastrutture Lombarde aggiornare i commissari in merito ai lavori di risanamento dei terreni delle ex aree Falck di Sesto e al progetto “Città della Salute”. A seguire i responsabili degli istituti Neurologici Besta di Milano e Mondino di Pavia, insieme al Centro Parkinson degli ICP di Milano hanno presentato ai consiglieri una fotografia puntuale sulla diffusione del Parkinson, e delle sindromi parkinsoniane, in Regione Lombardia, avanzando alcune proposte organizzative per migliorare l’accesso alle cure di questi pazienti. Successivamente la società Medtronic è intervenuta per segnalare le criticità relative alle dinamiche e procedure di acquisto implementate da Arca per i dispositivi medici ad elevato contenuto tecnologico. La società italiana di Chirurgia Vertebrale ha poi illustrato ai commissari le problematiche dell’attuale sistema di codifica e rimborso di alcune procedure di ortopedia e chirurgia spinale. I presidenti del Pio Albergo Trivulzio, Golgi-Redaelli, Don Carlo Gnocchi e Sacra Famiglia sono stati invece auditi in merito al riordino delle attività riabilitative. In chiusura il Presidente di Nerviano Medical Sciences ha messo i commissari al corrente degli esiti della “due diligence”.

    Mercoledì. Seduta congiunta con commissione Programmazione e Bilancio per la presentazione del policy paper “La famiglia oggi: come evolvono i suoi bisogni, anche in rapporto alla crescita delle famiglie monogenitoriali. Come adeguare le politiche?”. Studio condotto da Éupolis Lombardia e promosso dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale. A questi link, per chi volesse approfondire, la ricerca in oggetto e le slide di presentazione:

    La famiglia oggi, le slide – http://www.pdregionelombardia.it/documenti/41230La%20Famiglia%20oggi_slide.pdf

    La famiglia oggi, il policy paper – http://www.pdregionelombardia.it/documenti/41231Paper_Famiglia_oggi_EUPOLIS.pdf

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente F. RIZZI

    Vicepresidente A. CAPELLI

    Consigliere Segretario M. CARRA

    IV Commissione

    Ha avuto luogo in primis l’audizione con vari soggetti sulle difficoltà del settore delle agenzie di

    viaggio e commercio a seguito dei recenti fatti di terrorismo internazionale.

    Si è poi tenuta l’audizione con l’Assessore all’Istruzione, formazione e lavoro, V. Aprea, in merito ai

    centri per l’impiego e all’attuazione della l.r. n. 21/2013, sui contratti e accordi di solidarietà e

    sull’ipotesi di una modifica di detta legge, in seguito all’entrata in vigore dei decreti “Jobs Act”.

    Ancora, si è svolta l’audizione con la Società “Candy” di Brugherio (MB) sulla relativa situazione

    occupazionale.

    Ha quindi avuto luogo l’audizione con Confindustria e Assobiomedica in ordine alla situazione attuale,

    e alle prospettive future, del settore delle tecnologie per la salute.

    Infine, si è tenuta l’audizione con vari soggetti sulla situazione occupazionale della Società

    “Condenser” di Ispra (VA).

     

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente A. CIOCCA

    Vicepresidente L. MAGONI

    Consigliere Segretario O. ROSATI

     

    V Commissione

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente A. SALA

    Vicepresidente M. PIAZZA

    Consigliere Segretario A. ALFIERI

     

    VI Commissione

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente L. MARSICO

    Vicepresidente L. FOSSATI

    Consigliere Segretario A. FIASCONARO

     

    VII Commissione

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente L. D. FERRAZZI

    Vicepresidente A. BARONI

    Consigliere Segretario M. BARBONI

     

    VIII Commissione

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente A. CAVALLI

    Vicepresidente D. BIANCHI

    Consigliere Segretario G. MACCABIANI

     

     

    COMMISSIONI SPECIALI

    Antimafia

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente G. A. GIRELLI

    Vicepresidente P. FORONI

    Consigliere Segretario M. TIZZONI

     

    Rapporti tra Lombardia, Confederazione elvetica e Province autonome

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente A. FORMENTI

    Vicepresidente F. DOTTI

    Consigliere Segretario L. GAFFURI

     

    Situazione carceraria in Lombardia

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente F. FANETTI

    Vicepresidente L. CASTELLANO

    Consigliere Segretario J. COL

     

    Riordino autonomie

    La Commissione ha proceduto all’elezione del proprio Ufficio di Presidenza, che risulta così composto:

    Presidente A. D. ROMEO

    Vicepresidente C. TOIA

    Consigliere Segretario G. VILLANI

  • Report settimana 9 dicembre – 11 dicembre 2015

    I Commissione

    Nella seduta, che vede la presenza dell’assessore Garavaglia, si votano i tre provvedimenti  con i relativi emendamenti per la sessione di bilancio.

    Il nostro gruppo su tutti e tre i pdl si esprime con un voto contrario.

    Infine si vota la norma finanziaria del PDL n. 190 “Fusione dei comuni di Corteolona e Genzone in provincia di Pavia”. La commissione esprime voto favorevole all’unanimità.

     

    II Commissione

     Non si è riunita

    III Commissione

    In ordine del giorno la presentazione delle Regole di gestione del sistema sanitario e sociosanitario per il prossimo anno. Sul fronte economico, dalla Direzione Generale welfare, è stato ricordato come il previsto aumento per il 2016 del Fondo Sanitario Nazionale di oltre 1miliardo (fra 150/200 i milioni per Regione Lombardia) dovrà essere destinato a copertura dei nuovi LEA, del piano vaccinale, dei nuovi farmaci oncologici innovativi, degli aumenti contrattuali e dell’applicazione della norma europea sui turni di lavoro. Tuttavia, una stima prudenziale della spesa generata dai nuovi LEA e dai nuovi piani vaccinali prevede un incremento di costi obbligatorio a regime pari a circa il doppio della cifra messa a disposizione. Va inoltre considerato l’aumento della spesa che deriva della crescita della popolazione cronica e dei pazienti pluripatologici a cui si associa la conseguente riduzione della compartecipazione di queste categorie di pazienti. Alla luce di questi presupposti, la scelta della Regione è stata quella di considerare come base di partenza per il bilancio sanità anno 2016 il consolidato 2015. Il risultato del riparto 2015, più favorevole rispetto alle previsioni (20 milioni in più) verrà destinato al fondo per investimenti 2016 , considerata l’impossibilità di attingere al bilancio regionale per il conto capitale. Start up riforma: dal primo gennaio si avvia l’effettiva riorganizzazione del sistema sociosanitario attraverso la costituzione di 35 nuovi soggetti giuridici (8 ATS e 27 ASST) nel quale confluiscono personale, patrimoni, contratti, attività e funzioni svolte oggi dalle aziende sanitarie (15 ASL e 29 AO). Si tratta di un processo di “riconversione industriale” imponente che riguarda 100mila operatori sanitari e una ‘holding’ con un bilancio consolidato di oltre 10 miliardi di euro. Le regole prevedono nei primi 6 mesi dell’anno un tempo di assestamento nel quale viene privilegiata la continuità operativa, nella seconda metà del 2016 verrà avviata la riconversione organizzativa dei nuovi soggetti per poterli orientare agli obiettivi della riforma. Entro la fine dell’anno sarà approvato il Piano Sanitario Regionale e i Piano di organizzazione aziendale dei nuovi soggetti. Per il 2016  saranno ridotte al minimo le attività e i progetti che richiedono un forte presidio programmatorio da parte delle nuove agenzie/aziende. Da segnalare come nella costituzione delle nuove ASST, per la città metropolitana vi è un ripensamento sull’allocazione dei distretti che saranno mantenuti in regime transitorio in capo all’ATS. In ambito sanitario/area ambulatoriale, per contrastare i tempi di attesa è previsto un incremento del budget di 30 milioni (20 per i privati e almeno 10 per il pubblico) a disposizione per l’erogazione di prestazioni ambulatoriali. L’incremento di contratto è rivolto soprattutto agli operatori che nel 2015 hanno prodotto oltre i limiti di budget e che si impegnano a potenziare l’iniziativa ‘ambulatori aperti’. Per i privati parte del finanziamento (10 milioni) è dato da una contestuale riduzione delle funzioni non tariffate correlate all’attività ambulatoriale. Previsti anche interventi specifici per lo CNAO e la medicina sportiva. Sempre in ambito sanitario ma nell’ area ospedaliera sono programmate: una riduzione di alcune funzioni non tariffabili (per il settore privato) legate alla complessità della casistica a favore del riconoscimento di prestazioni ‘salvavita’ extrabudget (oncologia, trapianti, reti tempo-dipendenti); il potenziamento delle reti di patologia; sperimentazioni gestionali nei Presidi ospedalieri territoriali e POT privati; l’avvio sperimentale dello screening neonatale, il completamento del riordino dei punti nascita e il riordino del sistema emergenza urgenza; previsto infine l’incremento del tetto per farmaci innovativi (file F) fra l’8 e il 10%. Per quanto riguarda l’area della prevenzione e della veterinaria si segnala l’avvio del nuovo piano vaccinale e dello screening HPV-DNA, l’aggiornamento delle tariffe dei laboratori di prevenzione e la dematerializzazione del sistema di controlli e della prescrizione veterinaria. Sul fronte sociosanitario si registra la proposta di valutazione e messa a regime delle sperimentazioni concluse nel 2015. In tema di cure intermedie: verranno prorogate per il 2016 senza variazioni le attività, rinviata la fase di stabilizzazione e avviato il programma di integrazione dell’intero sistema delle cure intermedie e del riordino del settore della riabilitazione sanitaria e sociosanitaria. Il vendor rating sarà consolidato e servirà, senza impatti sui contratti 2016, per operare una rivalutazione dell’assegnazione dei contratti per 500 nuovi pl. Per quanto attiene agli investimenti: il Fondo di rotazione parte con 50 milioni e vedrà un incremento dovuto alle alienazioni e agli accantonamenti 2014 e 2015 (almeno ulteriori 50 milioni) da dedicare al cofinanziamento dei fondi statali VII accordo di programma quadro, all’ammodernamento dei sistemi informativi per l’attuazione della riforma  e agli adeguamenti strutturali che derivano dalla costituzione delle nuove aziende. In tema di acquisti proseguiranno le azioni di accentramento e il ruolo di ARCA. Infine, sul fronte della semplificazione  si porterà a regime la de materializzazione della ricetta per le farmacie e l’avvio delle ricette elettroniche per la prestazioni ambulatoriali; si investirà sulla farmacia dei servizi (registrazione esenzioni, pagamento ticket; sarà dato ad Areu il mandato per realizzare nel 2016 il progetto per l’attivazione della Centrale Operativa regionale della Continuità Assistenziale con personale laico che accoglierà il numero unico nazionale per le cure mediche non urgenti 116 – 117 in base alla l.r. 23/2015. Nel dibattito che ha fatto seguito alla presentazione delle regole, i nostri consiglieri hanno rilevato come, dal momento che da parte del Governo non c’è stato alcun decremento sul fondo sanitario, si attende il taglio dei ticket sul quale la Giunta si è impegnata a luglio; inoltre, poiché vi è stato un ripensamento sull’allocazione dei distretti della città di Milano nelle diverse ASST, segno che il ridisegno proposto non rispondeva alle esigenze della città, ci si auspica una migliore messa a punto del nuovo sistema. Sul piano dell’edilizia sanitaria, si chiede alla Giunta di investire le risorse aggiuntive anche sulla manutenzione e sulla riqualificazione delle strutture e non solo sull’informatizzazione.

     

    IV Commissione

    Non si è riunita

     

    V Commissione

    Non si è riunita

     

    VI Commissione

    Non si è riunita

     

    VII Commissione

    Non si è riunita

     

    VIII Commissione

    Audizione di alcuni docenti dell’Università degli Studi di Milano, del Politecnico di Milano, dell’Università di Bologna e del Vicepresidente Federale dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (AIAB) in merito alla proposta di Risoluzione “Riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo”

     

    COMMISSIONI SPECIALI

     

    Antimafia

    Si è svolto l’incontro con il Prof. Nando Dalla Chiesa sul tema “Rapporto tra mafia e sanità”, a seguito del corposo lavoro svolto in qualità di direttore dell’Osservatorio sulla criminalità organizzata dell’Università di Milano. Periodicamente infatti l’Osservatorio presenta alla Commissione parlamentare Antimafia delle relazioni che affrontano lo stato del radicamento delle organizzazioni criminali nella società e nell’economia del Paese e, in particolare, nella 2^ relazione semestrale era stato dato uno spazio significativo al rapporto sanità – mafia. Inoltre, il sistema sociosanitario era stato al centro della riflessione della Summer School 2015 di Uni Milano.

    Il tema era sicuramente importante sia per il fatto che i bilanci regionali sono composti, per una percentuale che va dal 77 all’85%, dalla spesa sanitaria e poi perché dai riscontri effettuati risulterebbe che non c’è livello di penetrazione così forte nel sistema sanitario come in Lombardia. Una presenza spiegabile con un’ampiezza delle opportunità di mercato che lascia spazio ad una molteplicità di attori economici.

    L’incontro è stato utile per comprendere le modalità con cui e i luoghi ove avviene questa penetrazione delle organizzazioni criminali e dei comportamenti mafiosi. Le mafie sviluppano un forte interesse a costruire microsistemi locali da governare e per farlo operano su molti piani: dalle cliniche ai laboratori per stipulare convenzioni, appalti, accordi di fornitura ai posti di lavoro per implementare le reti di relazioni anche con primari e professionisti, per ottenere favori illegali fino anche a cercare benemerenze sociali. E da qui Dalla Chiesa crede sia utile partire, con una maggior consapevolezza, per generare prassi e regole che impediscano il raggiungimento degli obiettivi criminali.

     

    Rapporti tra Lombardia, Confederazione elvetica e Province autonome

    Non si è riunita

     

    Situazione carceraria in Lombardia

    Non si è riunita

     

    Riordino autonomie

    Non si è riunita

     

  • Rosso di sera, la puntata del 14 dicembre 2015

    Il materiale relativo alla terza puntata di “Rosso di Sera”, trasmissione del Pd Valle Seriana a cura del consigliere regionale Jacopo Scandella.

    Il filmato della puntata:

    Tema della puntata: la sicurezza. Quella percepita e quella reale, le azioni del Governo e delle amministrazioni locali. Ospite il presidente della Comunità Montana Valle Seriana, Alberto Bigoni, che illustra per sommi capi il sistema “Thor” di videosorveglianza di prossima attivazione.

    Ospite di Lucio Imberti in questa puntata di “Lucius in fabula” è Giancarlo Carminati di Fim-Cisl di Bergamo: quale è lo stato di salute dell’impresa manifatturiera in bergamasca ed in Valle Seriana? Il video della clip: