• Caccia- Scandella (Pd): “Le forzature volute dalla Lega rischiano di peggiorare la vita dei cacciatori ”

    Le forzature imposte dalla Lega  alla legge regionale sulla caccia  rischiano di peggiorare la vita dei cacciatori. Il consigliere regionale, Jacopo Scandella(Pd) commenta così la decisione del Governo di impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge regionale sulla caccia. “La Lega ancora una volta ha fatto, per puri scopi elettorali, promesse impossibili da mantenere. E la prova della sua incapacità è il fatto che a bocciare la legge tanto voluta è stato un Governo amico. Spero che quanto accaduto faccia riflettere  sulla necessità di affrontare il tema in maniera condivisa”.

    Milano, 1 febbraio 2019

  • Montagna: ok alla risoluzione che previene gli incendi e valorizza i boschi

    Tra l’1 e il 17 gennaio nelle province lombarde si sono sviluppati 49 incendi che hanno bruciato 1068 ettari di superficie boscata e, complessivamente, 1085 ettari di territorio regionale.

    I dati più eclatanti, come ha raccontato la cronaca, sono quelli di Como e Varese: sul Lario 9 incendi hanno fatto andare in fumo oltre 670 ettari di superficie, in territorio insubre 6 incendi hanno distrutto 277 ettari.

    Sono i numeri contenuti nella proposta di risoluzione sugli ‘Interventi atti a scongiurare l’emergenza degli incendi boschivi’ votata questo pomeriggio in Commissione speciale Montagna del consiglio regionale.

    “Una serie di calamità verificatesi in poche settimane ci hanno indotti a intervenire con un atto che vuole essere una presa di posizione forte rispetto a questi fenomeni, assolutamente da combattere e prevenire – commentano Jacopo Scandella e Gian Antonio Girelli, consiglieri regionali del Pd e componenti della commissione –. La risoluzione si occupa di prevenzione, di valorizzazione del bosco, della filiera bosco energia, di educazione, ma anche di riforestazione delle aree danneggiate, di valorizzazione turistica e culturale, di conservazione dell’agricoltura di montagna, di comunicazione indirizzata ad agricoltori, proprietari e possessori di boschi”, spiegano.

    Ma i consiglieri Pd hanno chiesto, con due emendamenti poi approvati, di tener conto anche di un altro aspetto: “Nonostante ci sia un vincolo di tempo per il ripristino delle aree distrutte dagli incendi, noi abbiamo chiesto un’attenzione particolare per questa fase – fanno sapere –. Perciò, l’emendamento prevede di finanziare attraverso eventuali economie del bando Psr interventi di recupero”. Inoltre, “abbiamo voluto un maggiore coinvolgimento della Commissione, nelle fasi di elaborazione del nuovo Piano regionale delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi 2020-2022. Vogliamo essere sicuri che si recepiscano davvero i contenuti di questa risoluzione”.

    Milano, 30 gennaio 2019

  • Foto di Mario Calvo da UnSplash (https://unsplash.com/collections/158999/chaos?photo=S_mEIfXRzIk)

    TRENI: “PER PORRE FINE ALL’EMERGENZA È NECESSARIA UN GARA PUBBLICA EUROPEA”

    “Per porre fine all’emergenza è necessaria prima di tutto riconoscerla con onestà e gestirla come tale. La situazione attuale deriva da responsabilità politiche chiare, ossia dal ventennio di politiche miopi della Lega e delle destre. Serve nel breve periodo farsi aiutare da altre regioni e, dove si può, dall’Europa e in prospettiva avviare le condizioni per una gara pubblica europea per trovare partner internazionali privati che portino investimenti sul materiale rotabile”.

    A proporlo, questa mattina, aprendo un convegno organizzato dal Pd sull’emergenza trasporti in Lombardia, che si è tenuto al belvedere di palazzo Pirelli, sono i consiglieri regionali Pietro Bussolati, Matteo Piloni e Jacopo Scandella che spiegano: “In Lombardia la domanda di trasporto ferroviario è in forte crescita, non solo nelle grandi città ma anche nei centri minori. Questo perché la regione, trainata soprattutto da Milano ma non solo, sta diventando sempre più attrattiva e di conseguenza la domanda di mobilità sarà sempre più alta. La domanda di trasporto ferroviario e di mobilità pubblica è in forte e continua crescita, dunque limitare il trasporto ferroviario solo ad alcune aree non è una buona soluzione. Per questo, oltre che indire una gara europea, è necessario che la Regione investa sulla rete, come non ha fatto negli ultimi anni, e non solo sulla mobilità su gomma che ha un impatto ambientale molto più alto. Questo per arrivare ad avere un servizio ferroviario efficiente e sicuro”.

    Il Pd regionale lancia, infine, la campagna “Adotta una stazione”. Dall’11 febbraio prossimo   si potranno inviare segnalazioni  o foto di stazioni che richiedano interventi di riqualificazione urgente che saranno trasmessi ai gestori delle stazioni e alla Regione.

  • In Consiglio una seduta tematica dedicata ai giovani, lo ha chiesto il PD

    Su richiesta del gruppo del Partito democratico oggi la conferenza dei capigruppo del consiglio regionale ha messo in calendario una seduta tematica dedicata ai giovani.  “Vogliamo porre all’attenzione del Consiglio – sottolineano Fabio Pizzul e Jacopo Scandella, capogruppo e consigliere del Pd –  i problemi dei giovani, sempre troppo trascurati dalle politiche nazionali, anche perché molto meno numerosi degli anziani e destinati, come indicano le previsioni demografiche, ad essere sempre di meno. Nel 2018 i nuovi nati sono stati meno degli ottantenni: o affrontiamo la questione generazionale – autonomia, lavoro, formazione, famiglie – o per il nostro paese non c’è futuro. Nella seduta affronteremo temi come la dispersione scolastica, l’orientamento, la necessità di valorizzare le eccellenze formative, la ricerca oltre che le difficoltà di accesso al mercato del lavoro, i servizi per le giovani famiglie, con l’obiettivo di riorientare le politiche regionali verso un’attenzione maggiore alle giovani generazioni”.

    La conferenza dei capigruppo ha anche calendarizzato  per febbraio una seduta di consiglio sui cambiamenti climatici chiesta dal Pd con un ordine del giorno allegato al bilancio il dicembre scorso.

    Milano, 8 gennaio 2019

  • Musica, Scandella (Pd): ”La Regione accoglie la nostra proposta per un sostegno ai ragazzi che frequentano corsi di musica”

  • Bilancio regionale – Scandella (Pd): ”Stanziati 350 mila euro per il progetto della tranvia Bergamo-Villa D’Almè”

    Approvato oggi in Consiglio regionale un emendamento al bilancio che destina 350 mila euro alla progettazione della linea tranviaria T2 Bergamo-Villa d’Almè. “Rispetto all’emendamento presentato da  Niccolò Carretta (Lombardi civici europeisti)- spiega Jacopo Scandella, consigliere regionale  del Pd- e sottoscritto anche da me, i fondi sono stati spostati al 2021; speriamo siano mantenuti per permettere la realizzazione di un’infrastruttura strategica per tutto il territorio bergamasco. L’auspicio è che l’iter della nuova linea tranviaria proceda a tappe serrate, con la collaborazione di tutti gli enti istituzionali coinvolti, in primis del Governo nazionale”.

    Milano, 18 dicembre 2018

  • https://commons.wikimedia.org/wiki/File%3AValVertova_01a.JPG By Ago76 (Own work) [Public domain], via Wikimedia Commons from Wikimedia Commons

    Metà delle tasse sull’acqua restino alla montagna

    Metà delle tasse sull’acqua restino alla montagna. A chiederlo, con un ordine del giorno collegato al bilancio  di previsione, è il consigliere regionale Jacopo Scandella  (Pd)che spiega: “La montagna, che occupa il 44 % del territorio regionale, ha bisogno di risorse per le infrastrutture, il lavoro e i servizi. Già nel novembre 2016 400 sindaci avevano sottoscritto un documento in cui si evidenziava l’urgenza di investimenti nei territori più lontani dal centro. A questo proposito la Regione può fare molto, ma non lo ha ancora fatto se non per la provincia di Sondrio: ogni anno a Palazzo Lombardia si incassano più di 60 milioni di euro derivanti dai canoni idrici – le tasse pagate per l’utilizzo dell’acqua, dalle grandi centrali idroelettriche fino alle piccole derivazioni – e di questi solo una minima parte finisce ai territori. Questo nonostante una risoluzione del luglio 2016 stabilisse di garantire maggiori risorse anche attraverso la diversa ripartizione dei canoni idroelettrici”.

    “La risoluzione – continua Scandella – confermata anche da un successivo ordine del giorno, non ha mai avuto seguito. Ad oggi solo la provincia di Sondrio beneficia dei canoni prodotti sul suo territorio, mentre al resto della montagna restano solo briciole”.

    “E il momento – conclude Scandella –  di allargare questo beneficio e di investire almeno metà delle risorse derivate dai canoni idrici in un fondo dedicato allo sviluppo economico e sociale della montagna lombarda”.

    Milano, 14 dicembre 2018

  • Foto di Jonathan Denney da UnSplash.com (https://unsplash.com/search/cold?photo=tDTTfPRR-uM)

    Ponte di San Michele – Scandella (Pd): “Insieme ai pendolari chiediamo una corsa in più e l’aumento delle carrozze sui treni della Bergamo-Milano, via Pioltello”

    “A tre mesi dalla chiusura dal ponte di San Michele, lavoratori e studenti sono costretti a viaggi interminabili e incerti, fra treni soppressi, bus insufficienti e  perenni ritardi. La vita di migliaia di persone è cambiata e la necessità di trovare soluzioni alternative si fa sempre più urgente”. Il consigliere regionale Jacopo Scandella (Pd) interviene  così a seguito dell’audizione  del Comitato pendolari bergamaschi  tenutasi oggi in Commissione Territorio e infrastrutture. “I pendolari – afferma Scandella – hanno  avanzato  richieste  per  rimediare ai gravissimi disagi che subiscono ogni giorno. Aumentare il numero delle carrozze sui treni di maggiore percorrenza per far fronte al problema del quotidiano sovraffollamento che costringe  migliaia di persone a viaggiare in piedi, una corsa in più sulla tratta Bergamo-Milano via Pioltello e un collegamento fra Terno e Calusco   di raccordo con la S8.  Sono richieste di buonsenso, concrete e realizzabili in breve tempo.“

    Milano, 6 dicembre 2018

  • VITALIZI: SCANDELLA (PD) “BENE LA PROROGA DEL CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ, NON SI POSSONO MANTENERE I TRATTAMENTI DEL PASSATO MENTRE LA SITUAZIONE ECONOMICA DELLE PERSONE È PEGGIORATA”

    Il Pd ha votato a favore del progetto di legge che proroga al 31/12/2023 il prelievo di solidarietà dal 5% al 16% ai vitalizi degli ex consiglieri regionali, in base all’entità dell’assegno percepito.

    “Il nostro gruppo ha dato il via, anni fa, alla ridiscussione dei vitalizi – spiega il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella – e ha votato a favore, nel 2014, al contributo di solidarietà. Allo stesso modo, oggi, votiamo a favore della proroga di questo contributo: la politica deve essere pagata il giusto, non si possono mantenere gli stessi trattamenti del passato mentre la situazione economica delle persone fuori dalle istituzioni è peggiorata. Bisogna sempre cercare di mantenere dei parametri di buonsenso”.

    Milano, 27 novembre 2018

  • CAPPELLA BERGAMO, SCANDELLA (PD): “STOP ALLA CONTESA TRA LE CONFESSIONI RELIGIOSE, GARANTIRE A TUTTI SPAZI IDONEI PER LA PREGHIERA”

    “Ciò che è accaduto a Bergamo potrebbe ripetersi in qualsiasi altro luogo, perché con questa legge – che rende impossibile l’edificazione o la trasformazione di edifici in luoghi di culto riconosciuti – tutti i luoghi di culto diventano estremamente ambiti e le varie confessioni continueranno a contenderseli. Perché questo non accada occorre cambiare la legge regionale e garantire a tutti la libertà di culto”.

    Lo ribadisce il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella dopo i question time di questa mattina in Consiglio regionale sulla vendita dell’ex cappella dei frati cappuccini situata all’interno degli ex Ospedali Riuniti di Bergamo.

    Milano, 6 novembre 2018