"Ogni volta,
ogni maggese
che ritorna 
dà vita a un seme..."

Cesare Cremonini

"Ogni volta,
ogni maggese
che ritorna 
dà vita a un seme..."

Cesare Cremonini

montagna

Negli ultimi dieci anni, le valli della Lombardia hanno conosciuto un destino comune: mentre una parte del tessuto produttivo andava in crisi, riducendo il numero delle aziende e dei posti di lavoro disponibili, nel nome del risparmio e dell’efficienza anche il settore pubblico riduceva la sua presenza, chiudendo scuole, ospedali, tribunali, uffici pubblici… Il risultato non poteva che essere lo spopolamento: sempre meno persone giovani che restano, sempre meno che vengono da fuori a vivere e lavorare.

I prossimi dieci anni devono essere quelli del rilancio. Non chiediamo di riversare nelle valli soldi senza progettualità, ma di mettere in condizione la montagna di produrre ricchezza. In tutti gli ambiti: dall’industria, che rappresenta una “diga” occupazionale contro lo spopolamento – al turismo – sci, trekking, enogastronomia, itinerari a piedi e in bicicletta, valorizzazione dei parchi e dei borghi storici; dal settore delle costruzioni – su cui lavorare con una fiscalità di vantaggio per riqualificare il patrimonio sfitto e dismesso – a tutti i servizi pubblici e privati.

PARAMETRI DIVERSI PER MONDI DIVERSI

All’interno di una stessa provincia, le differenze nella quantità e nella qualità dei servizi erogati alla persone sono enormi. In particolare nelle valli, nel corso degli ultimi dieci anni, c’è stata una desertificazione dei servizi pubblici che non sembra arrestarsi.

Ma se non si fissano livelli minimi essenziali che valgano per ambiti omogenei, che stabiliscano come in ognuna delle 100 zone di cui è fatta la Lombardia ci debbano essere scuole e servizi sanitari all’altezza, allora non possiamo pretendere che qualcuno ci resti a vivere, in quelle zone. Ci sono cose che devono essere garantite per tutti, indipendentemente da dove si abita, indipendentemente dai numeri e da quanto costa. Punto.

I MILIONI DELL’ACQUA PER LE VALLI

Ogni anno Regione Lombardia incassa più di 60 milioni di euro dai canoni del demanio idrico. Sono le tasse pagate per l’utilizzo dell’acqua, dalle piccole derivazioni alle grandi centrali idroelettriche. Dal 2009 i canoni versati a Sondrio restano in provincia di Sondrio – e sono più di 18 milioni di euro – mentre quelli versati dalle nostre valli finivano a Milano. Dopo una lunga battaglia, nel 2020 siamo riusciti a portare all’80% la quota di questi canoni destinata ai territori montani.

Ora serve recuperare in fretta i canoni dovuti dalla prosecuzione in proroga delle concessioni scadute e andare a rinnovarle pretendendo dai concessionari più investimenti e più occupazione. Con quei soldi si possono realizzare strade, tramvie, connessioni internet veloci; sostenere gli artigiani e le imprese del territorio; ampliare l’offerta turistica e culturale; dare lavoro ai nostri giovani e servizi migliori alle famiglie che desiderano ostinatamente rimanere a vivere e lavorare in montagna.

Non solo, oggi abbiamo un’occasione unica con le risorse destinati all’Italia dal piano europeo Next Generation EU: devono servire anche a ridurre il ritardo infrastrutturale accumulato da decenni nelle valli. Perché la mobilità è un fattore di sviluppo per qualsiasi territorio, ma per quelli più periferici è questione di sopravvivenza.

 

FISCALITÀ

Fare impresa nelle valli è spesso più complicato e più costoso che non nelle zone più abitate e meglio servite da infrastrutture e servizi. Se vogliamo che anche in quei territori si possa sviluppare un’imprenditoria diffusa – dalla manifattura al commercio, dalla cultura al turismo – bisogna immaginare una fiscalità di vantaggio che consenta di riequilibrare quelle difficoltà. Ad esempio, prevedendo che gli sgravi contributivi del “Bonus Sud” vengano applicati anche alle aree montane della Lombardia: 30% di contributi in meno per dieci anni per ogni nuovo assunto, 100% per tre anni se sono giovani o donne. Ancora, rendendo strutturale il bonus fiscale del 110% sulle riqualificazioni edilizie per le sole aree montane, dando così la possibilità di ristrutturare l’enorme patrimonio immobiliare – abitazioni private, ma anche fabbriche dismesse, edifici storici con potenzialità – e di rilanciare un settore che dopo la crisi del 2008 aveva perso quasi metà dei propri addetti.

SMART working

Se la tecnologia consente ad una fetta di lavoratori di lavorare vicino a casa, perché non farlo dove la qualità della vita può essere ancora più alta?

Lo smart working può ridurre il pendolarismo e consentire a chi nasce in montagna di continuare a viverci, e ad altri ancora di venire a farloServono spazi dedicati – perché la soluzione non è chiudersi in casa e lavorare da soli, tutto il giorno tutti i giorni, connessioni veloci e una cultura aziendale flessibile. Lavoriamoci.

ultime news

natura2000_logo_7800

Montagna

Maggio 18, 2021

“Oggi la maggioranza, in aula consiliare, ha confermato l’incoerente e paradossale decisione di limitare le competenze al WWF Italia in qualità di ente gestore dell’Oasi Valpredina e Misma, in provinc

natura2000_logo_7800

Montagna

Aprile 29, 2021

“Oggi la maggioranza ha approvato un emendamento che si scaglia letteralmente contro i due siti di Natura 2000 di Valpredina e Misma e di Vanzago gestiti dal WWF” lo annunciano i consiglieri regionali

Strada-Val-Seriana-Tornanti-Selva-2

Montagna

Aprile 6, 2021

“Un intervento di superamento stradale delle curve della Selva è indispensabile e urgente, si tratta di una vera priorità per la mobilità delle imprese, dei turisti e di tutti gli abitanti dell’Alta

agricoltura-montagna-Valtellina

Montagna

Marzo 15, 2021

“Il bando in favore dell’agricoltura di montagna che la Regione aprirà mercoledì è una buona notizia per un settore che dimostra di tenere più di altri nelle nostre valli e ha visto negli ultimi anni

montagna_cover

Montagna

Jacopo Scandella

Febbraio 26, 2021

Ristori e misure compensative per aiutare i 600 maestri di sci e tutti quei lavoratori rimasti a casa dopo la chiusura degli impianti, e una politica nazionale e regionale per salvare la montagna…

idroelettrico_cover

Montagna

Jacopo Scandella

Febbraio 11, 2021

Regione Lombardia deve dar conto dell’iter di applicazione della delibera che determina la prosecuzione dell’esercizio delle grandi derivazioni idroelettriche con concessioni scadute. Sul fronte…