"La Repubblica agevola con
misure economiche e altre
provvidenze la formazione
della famiglia e l'adempimento
dei compiti relativi, con
particolare riguardo alle
famiglie numerose. Protegge
la maternità, l'infanzia e
la gioventù, favorendo gli istituti
necessari a tale scopo."

Costituzione Italiana, art. 31

"La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose. Protegge la maternità, l'infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo."

Costituzione Italiana, art. 31

testimonial
"Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua."
ISABELLA, 21 anni
testimonial
"Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua."
MICHELA, 24 anni

PARTECIPA ANCHE TU!

le famiglie

Crescere un figlio è avere fiducia nel futuro. E noi abbiamo bisogno sia di fiducia che di figli che di futuro. Nel 2020 si è raggiunto il punto più basso della storia d’Italia, con 408 mila nuovi nati, mentre nel 1964 erano 1 milione e 16 mila. E gli effetti della pandemia in termini di precarietà economica ed incertezza sul futuro rischiano di abbattere ulteriormente questi dati.

Il problema è che la piramide demografica italiana al 2035 descrive un paese nel quale la fascia “bassa” – quella dei giovani – è sempre più esigua mentre la fascia “alta” – quella degli anziani – è sempre più numerosa. Così non si può andare avanti. È in gioco la sostenibilità sociale, il livello di cura e servizi che vogliamo per noi e per i nostri figli.

Per questo, la costruzione di una famiglia deve poter essere un obiettivo raggiungibile per tanti, un progetto di vita che non ostacola la realizzazione individuale ma anzi la amplifica.

Per farlo, serve dare autonomia ai giovani, alzare il numero delle donne lavoratrici con un sistema di servizi che sia costruito innanzitutto attorno alle loro esigenze, introdurre una nuova cultura aziendale aperta ai tempi e ai bisogni delle famiglie, prevedere una fiscalità vantaggiosa per le famiglie più numerose, ridurre lo squilibrio tra uomini e donne nell’impegno domestico e nella crescita dei figli. Insomma, costruire una società a misura di famiglia.

donne al centro

Le donne abbandonano meno gli studi, hanno voti più alti e si laureano più in fretta dei colleghi uomini. Eppure, nonostante curriculum migliori, lavorano meno e con stipendi più bassi. E questo perché sulle donne pesa un carico di lavoro aggiuntivo, quello della cura in ambito familiare.

Secondo i dati della Commissione europea, la cura dei bambini e dei familiari che necessitano di assistenza costituisce la prima causa di inattività delle donne (oltre il 18%), mentre per gli uomini incide in meno del 2% dei casi.

A differenza del passato, oggi si fanno più figli dove è più alta l’occupazione femminile, perché le famiglie sentono il bisogno di due redditi per maturare quella sicurezza economica che favorisce la scelta di diventare genitori. Per questo l’obiettivo non deve essere quello di pagare le donne per rimanere a casa a curare i figli, ma offrire alle donne opportunità di lavoro e di carriera insieme da un lato a servizi adeguati e politiche di conciliazione tra famiglia e lavoro – per prima cosa, asili nido e doposcuola garantiti a tutti – dall’altro da un maggiore impegno degli uomini nella cura della casa e dei figli. Le donne hanno un talento che va messo a frutto, per loro, per le loro famiglie e per tutta la società.

Occuparsi di politiche per la genitorialità significa fare qualcosa di complicato – perché non basta una misura singola a cambiare le cose – e che non darà risultati nel breve periodo.

Quindi? Prima si parte e prima si vedono gli effetti di quelle politiche. Prendiamo esempio da chi ci ha creduto e l’ha fatto già negli anni scorsi, come la provincia autonoma di Trento e il suo marchio di qualità per tutte le attività pubbliche e private che – rispettando una serie di requisiti – vogliano diventare “a misura di famiglie”.

ultime news

assicurazione_auto_di_cattolica_assicurazioni-k6KF-U32402132011500cCC-656x492@Corriere-Web-Sezioni

Regione

Giugno 7, 2021

È dal dicembre scorso che sollecitiamo la Regione a sgravare gli agenti di commercio dal pagamento del bollo auto. In quell’occasione avevamo presentato un ordine del giorno al bilancio

famiglia-ape1011

Famiglia

Maggio 14, 2021

Nella giornata degli Stati generali della natalità e alla vigilia della giornata internazionale della famiglia, Fabio Pizzul e Jacopo Scandella, rispettivamente capogruppo e consigliere regionale del

EcoIncentivi-Statali-2019

Regione

Maggio 4, 2021

“Tutti coloro che hanno acquistato veicoli a zero o bassissime emissioni tra il 29 novembre 2019 e il primo marzo 2021, non otterranno alcun sostegno da Regione Lombardia” lo fa sapere il consigliere

Ostetricia-e-ginecologia-Piario

Sanità

Il consigliere regionale del PD Jacopo Scandella torna a chiedere la riapertura del punto nascite dell’ospedale M.O.A Locatelli di Piario e lo fa con una mozione all’assessora alla salute Letizia Mora

asilo-nido-ad-altopascio-270096.660x368

Famiglie

Marzo 17, 2021

Riaprire i nidi e le scuole dell’infanzia, come ipotizzato dal ministro Bianchi. Lo dice il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella, intervenendo sulla situazione attuale e raccogliendo