La Regione contro i siti di Natura 2000 gestiti dal Wwf

Montagna

Aprile 29, 2021

“Oggi la maggioranza ha approvato un emendamento che si scaglia letteralmente contro i due siti di Natura 2000 di Valpredina e Misma e di Vanzago gestiti dal WWF” lo annunciano i consiglieri regionali del Pd Carlo Borghetti, Jacopo Scandella e Matteo Piloni, capodelegazione dem in commissione Agricoltura Parchi e Foreste, dove oggi pomeriggio era in discussione la revisione normativa ordinamentale.

“In Regione Lombardia – spiegano – ci sono due siti di Natura 2000 – la rete di siti di interesse comunitario e di zone di protezione speciale creata dall’Unione europea per la protezione e la conservazione degli habitat e delle specie, identificati come prioritari dagli Stati membri dell’Unione europea – che non sono gestititi da enti pubblici:Valpredina e Misma in provincia di Bergamo e il Bosco di Vanzago in provincia di Milano”.

“Questo emendamento stabilisce che, quando l’ente gestore del sito non è un ente pubblico, la valutazione di incidenza ambientale, la cosiddetta VINCA, viene effettuata dal parco regionale gestore dei siti appartenenti alla Rete Natura 2000 di maggiore estensione a livello provinciale” spiegano i consiglieri.

“È chiaro che questo significa porsi in aperto contrasto, innanzitutto con il WWF che gestisce entrambi i siti, ma anche rispetto alla legge 28 del 2016 che consente a realtà come il WWF di gestire i siti di Natura 2000”.

“Un atteggiamento che va anche contro ogni logica semplificativa, in quanto la competenza dei piani rimane al WWF, ma non la valutazione di incidenza ambientale, nonostante Regione Lombardia in una sua delibera di poche settimane, la dgr 448/2021 sulle nuove linee guida della Vinca, abbia recepito proprio le modalità del WWF”.

“È evidente che questo è un emendamento contro il WWF, contro l’area Valpredina e Misma e contro ogni logica di buon senso” concludono i consiglieri dem.

Ultime news