• Report settimana 13 – 17 Febbraio 2017

    I Commissione

    Nella seduta si è votata la norma finanziaria del PDL n. 228 ter, riguardante i titoli IV, VI e VII della legge in materia di sanità. A supporto della attività istruttoria erano presenti in commissione i dirigenti di Giunta delle direzioni competenti, che hanno apportato il loro parere tecnico e risposto alle richieste di chiarimento dei consiglieri. Il nostro gruppo, al momento della votazione, ha espresso parere negativo, motivato dal fatto che, come per le altri parti della legge sanitaria finora affrontate, questo provvedimento propone un sistema di riorganizzazione in materia socio-sanitaria a isorisorse e per ogni intervento non vi è una quantificazione di previsione specifica; così come è venuta a mancare una prima valutazione circa l’impatto della riforma sinora attuata.

     

    II Commissione

    Seduta congiunta con la Commissione speciale Riordino delle Autonomie in ordine alla predisposizione della risoluzione sui criteri per i Comuni delle Province lombarde per l’adesione alla Città metropolitana di Milano alla luce della richiesta del Comune di Vigevano. Nel merito si è deciso di dare vita ad un gruppo di lavoro che predisponga una proposta di risoluzione entro la prossima seduta di commissione che si terrà mercoledì prossimo. Il gruppo del Partito Democratico ha annunciato la sua contrarietà ad una risoluzione fino a che Regione e Governo non avranno chiarito il futuro delle Province lombarde ad oggi ancora per nulla chiaro, soprattutto dal punto di vista economico finanziario.

    Gruppo di lavoro sulla partecipazione attiva. È stata probabilmente l’ultima riunione del Gruppo di lavoro, vista la fretta dimostrata dal coordinatore Fossati a voler chiudere la discussione. Si discute sulla VI bozza del progetto di legge che abbina i pdl 33 e 4 e lo stesso Fossati propone alcune piccole modifiche al testo. Soprattutto ci si è soffermati sull’articolo 8 che mostra evidenti problemi di attuazione e non risulta funzionale nel momento in cui prevede un percorso annuale di definizione dei criteri e degli indirizzi attraverso cui sviluppare il dibattito pubblico. All’inizio viene posta la questione della richiesta della VI Commissione Ambiente per una allargamento del gruppo di lavoro anche ai componenti di quella commissione. Fossati ritiene di dover comunque procedere e di interessare la VI Commissione solo nel momento in cui si è addivenuti ad un testo condiviso in II Commissione. Fatte le poche modifiche, Fossati ritiene di portare il testo all’attenzione della Commissione non ascoltando minimamente le richieste nostre e dei 5stelle sulla necessità di un approfondimento e di un ascolto utili ad affinare meglio la norma. Fabio Pizzul propone l’ascolto del Professor Rodolfo Levanski per un parere sulla proposta di legge in discussione e per avere un quadro delle ricadute sulle altre norme già in vigore a livello regionale. I 5stelle suggeriscono invece un approfondimento sulle modalità di svolgimento del dibattito pubblico partendo dall’esperienza francese. L’impressione è che Fossati punti a far approvare il testo senza ulteriori modifiche (e, se così fosse, ad uno stadio di immaturità normativa) in una delle prossime sedute di Commissione.

     

    III Commissione

    Lunedì. Audizione con l’Assessore al Welfare per l’illustrazione del “Progetto Milano”. A questo link le slide di sintesi del progetto: Progetto Milano.

    Mercoledì. Ha avuto avvio la presentazione dei Piani di organizzazione aziendale strategici (Poas) delle Agenzia di Tutela della Salute sui quali la commissione è chiamata ad esprimere il proprio parere. Nella seduta odierna sono illustrati, dalle rispettive Direzioni Generali, i Piani delle ATS della Montagna, della Brianza, della Val Padana e di Bergamo, settimana prossima, con la presentazione dei Poas delle ATS mancanti, si concluderà la fase illustrativa, a cui farà seguito l’espressione del parere. Ai seguenti link i materiali distribuiti:

    ATS VAL PADANA

    ATS BERGAMO

     

    IV Commissione

    Audizione K Flex. Abbiamo audito le organizzazzioni sindacali ed il Sindaco di Roncello per un aggiornamento della situazione occupazionale della K Flex. Assente l’azienda, che dopo le false promesse della scorsa settimana ha avviato la procedura di licenziamento per 186 lavoratori. Durante la discussione è anche emerso che la società in questi anni ha avuto accesso a contributi nazionali per la ricerca e lo sviluppo, peccato però che, su ammissione dello stesso amministratore delegato, tali somme siano state impegnate all’estero. Da stigmatizzare inoltre l’assenza di Assolombarda, che solo pochi giorni fa aveva assicurato l’impegno a ricercare una diversa sistemazione del sito produttivo  in Lombardia. Da segnalare che nella stessa giornata di martedì l’aula ha votato all’unanimità la nostra mozione che impegna l’Assessore competente a farsi parte attiva con l’azienda per chiedere il ritiro della procedura di licenziamento collettivo e scongiurare il ventilato trasferimento in Polonia.

    Audizione Gepin Contact. Abbiamo audito i lavoratori, le OO.SS e Lombardia Informatica per un ulteriore aggiornamento della situazione occupazionale di Gepin Contact. Dalla discussione purtroppo è emerso che non è ancora chiaro quando verranno pagati gli stipendi arretrati né è ancora stato definito il nuovo assetto occupazionale dentro la nuova società, nonostante il Presidente Maroni si fosse speso in prima persona per una conclusione positiva della faccenda. Come Commissione ci siamo impegnati a seguire passo a passo la questione e ad un ulteriore aggiornamento nelle prossime settimane.

    Audizione TIM. Abbiamo audito le OO.SS., Assotelecomunicazioni ed i rappresentanti del Gruppo Telecom Italia in merito alla situazione occupazionale della TIM. Nonostante si parli di ‘performance da record’ per l’anno 2016 e di una crescita che supera il 4%, l’azienda ha messo in atto un piano di razionalizzazione e di semplificazione strutturale che prevede una ‘più razionale distribuzione delle risorse umane’, con la conseguenza che 265 lavoratori, tra Milano e Torino, dovranno essere trasferiti a Roma. Dopo un’animata discussione, nell’incertezza della situazione, è emerso un aspetto positivo: nessun lavoratore che si opporrà al trasferimento verrà licenziato. Come Commissione abbiamo chiesto alla Giunta di aprire immediatamente un tavolo al Mise per monitorare la situazione.

    Pdl 333-332 Modifica vendite promozionali. Abbiamo iniziato la discussione in merito ai due progetti di legge abbinati volti a ridurre il periodo di divieto di effettuare vendite promozionali ai soli 30 giorni antecedenti ai saldi. La normativa attuale prevede infatti che tale divieto sia previsto comunque a partire dal 25 novembre, impedendo cosi agli operatori di aderire alla giornata del Black Friday quando il quarto venerdì del mese di novembre cade oltre tale data. Nelle prossime settimane entreremo nel merito della discussione, già da ora il provvedimento pare condiviso e condivisibile.

     

    V Commissione

    E’ stata approvata la Proposta di risoluzione concernente il crollo del ponte di Annone di Brianza, problematiche inerenti al sovrappasso in località Isella-Civate e le conseguenti ripercussioni sul tessuto produttivo della Provincia di Lecco dopo una breve discussione a cui ha partecipato il consigliere Straniero (PD) che ha annunciato la possibilità di presentare in aula consiliare alcuni emendamenti in merito alla partecipazione finanziaria di Regione Lombardia ai progetti di sistemazione o rifacimento ex novo dei manufatti. E’ stato poi approvato il PAR 115 Regolamento regionale “Modifiche al Regolamento regionale 22 dicembre 2014, n. 6 ‘Disciplina dei servizi di noleggio di autobus con conducente’, pubblicato sul BURL n. 52, suppl. del 23 dicembre 2014”  con il voto di astensione del gruppo PD.  E’ continuato il percorso di approvazione della PDA 52 “ Integrazione del PTR ai sensi della LR 31/2014” con l’avvio del gruppo di approfondimento a cui partecipa per il Partito Democratico il consigliere Scandella.

     

    VI Commissione

    Non si è riunita.

     

    VII Commissione

    La commissione si è svolta in modalità congiunta col Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione per la presentazione della Missione valutativa “Il sostegno alla partecipazione alle attività sportive e motorie in Lombardia” a cura di Éupolis Lombardia. Ad alcune criticità del bando 2015 si è cercato di porre rimedio nel bando 2016, ma non ci sono ancora i dati per valutare se le modifiche siano state efficaci o meno. Interessante sottolineare le seguenti criticità:

    • lo strumento della dote sport non ha incrementato il numero di ragazzi che svolgono attività sportiva, ma ha permesso ad alcuni ragazzi di iscriversi a corsi più costosi rispetto a quelli che si sarebbero potuti permettere;
    • la ripartizione comunale ha reso accessibile la dote a persone con ISEE alto nei comuni all’interno dei quali erano in pochi a fare richiesta;
    • l’aggravio burocratico per famiglie e comuni è stato molto alto;
    • l’incentivo di 200 euro è troppo basso per i disabili, per i quali fare sport è molto più costoso (il Gruppo PD ha evidenziato come una dote dedicata alle associazioni sportive che svolgano attività per i disabili sarebbe probabilmente più efficace della sola dote affidata alle famiglie).

     

    VIII Commissione

     

     

    COMMISSIONI SPECIALI

     

    Rapporti tra Lombardia, Confederazione elvetica e Province autonome

    Il previsto incontro con l’assessore regionale a Infrastrutture e Trasporti, Alessandro Sorte, finalizzato ad approfondire le tematiche del settore in vista della visita istituzionale che la commissione effettuerà il 29 marzo presso il Gran Consiglio del Ticino è stato sconvocato a causa della “impossibilità dell’Assessore Sorte ad essere presente”.

     

    Riordino autonomie

    seduta congiunta con la II Commissione.

     

    Antimafia

    Non si è riunita.

     

    Situazione carceraria in Lombardia

    Non si è riunita.