• Report settimana 19 – 23 Giugno 2017

    I Commissione

    Nella seduta è stata illustrata dal relatore, il consigliere De Corato, la norma finanziaria del PDL n. 186 sull’istituzione di una giornata lombarda per la lotta alle tossicodipendenze. Si è passati poi al voto: il nostro gruppo ha espresso voto contrario, in quanto le poche risorse sono indirizzate a finanziare solamente campagne di comunicazione.  Successivamente si è svolta l’audizione con i vertici di Arca, la Presidente Brusoni e il Direttore generale Luciano Zanelli, i quali hanno descritto dettagliatamente la società in house: che cosa è Arca; di cosa si occupa; quali le prospettive in base alle indicazioni che riceve dalla giunta. Entrambi hanno poi dato risposta alle numerose questioni sollevate dai consiglieri. A questo link la presentazione in seduta di commissione: http://www.pdregionelombardia.it/documenti/43169arca_slide.pdf

     

    II Commissione

    Gruppo di lavoro sui pdl n. 332 e 340 relativi alla modifica della l.r. n. 1/1971 in tema di iniziativa popolare e alla disciplina della Commissione garante dello Statuto.

     

    III Commissione

    Gruppo di lavoro pdl 228quater: prosegue la revisione del sistema sociosanitario, con l’esame del titolo che concerne i rapporti fra la Regione e le Università lombarde con facoltà di medicina e chirurgia.

     

    IV Commissione

    Non si è riunita.

     

    V Commissione

    Non si è riunita.

     

    VI Commissione

    Non si è riunita.

     

    VII Commissione

    Sono stati auditi i rappresentanti sindacali in merito alle problematiche occupazionali dei CFP di Milano e Sesto San Giovanni, per il mancato rinnovo dei contratti a tempo determinato di insegnanti da parte di Afol metropolitana. I sindacati si sono dimostrati molto preoccupati per i lavoratori, il cui rapporto di lavoro passerebbe da contratto a tempo determinato a contratto affidato alle agenzie, pur rappresentando essi una forza lavoro strategica, cui viene affidato un segmento fragile e importante della nostra società che è quello dei giovani. Sono intervenuti i consiglieri di opposizione a porre domande precise sulla copertura delle doti e sul sistema dotale voluto dall’assessore, sui numeri degli studenti che ne usufruiscono e dei formatori. In questo caso, si tratta di ottantasette lavoratori di AFOL Milano e di circa 1000 studenti che frequentano i centri di formazione. Il Presidente di commissione ha stabilito che porterà le richieste dei CFP all’assessorato, sollecitando un tavolo a cui siano presenti Regione, Afol Milano e Città Metropolitana per un confronto che porti, in breve tempo, a una soluzione. Si è poi proseguito con l’illustrazione della risoluzione in merito al documento europeo, concernete l’istruzione. Per quanto condivisibili le osservazioni proposte dalla commissione, sono state apportate alcune integrazioni per sollecitare a investire di più nel settore dell’istruzione e quindi orientare più finanziamenti allo sviluppo scolastico.

     

    VIII Commissione

    Non si è riunita.

     

     

    COMMISSIONI SPECIALI

     

    Antimafia

    Nella giornata di mercoledì si è tenuto sia l’incontro per una condivisione di esperienze, opinioni e prospettive, con: il Presidente del Comitato tecnico scientifico del Consiglio regionale, Nando Dalla Chiesa; la presidente del Comitato antimafia del Comune di Milano, Carmen Manfredda; la presidente del Comitato legalità sempre del Comune di Milano, Maria Teresa Brassiolo e con il vice presidente di Avviso Pubblico, Nicola Leoni. L’incontro, cui non hanno potuto partecipare i parlamentari lombardi componenti della Commissione Parlamentare antimafia, era finalizzato a verificare la disponibilità delle varie strutture istituzionali presenti al tavolo a rendere periodiche le occasioni di confronto per fare il punto sulla elaborazione e sulle azioni messe in campo per contrastare il fenomeno mafioso in Lombardia. Si è convenuto di sì perché è importante che gli organismi acquisiscano l’attitudine a scambiare informazioni, soprattutto in quanto è palpabile una alterazione delle condizioni di vivibilità e di legalità anche all’interno dell’attività istituzionale e, quindi, per accrescere la massa critica necessaria a contrastare i fatti intimidatori. Proprio il sostegno ai rappresentanti istituzionali dovrà essere il tema di un prossimo confronto (a luglio) con i parlamentari lombardi della Commissione antimafia. Sempre nell’ottica di un miglioramento e di un sostegno dell’azione istituzionale si è proposto un questionario agli amministratori per capire il livello di intimidazione. Si è poi ribadita l’utilità di avviare il coordinamento lombardo dei Comuni iscritti ad Avviso Pubblico. Nella seduta successiva si è invece entrati nel merito della gestione del Fondo regionale per i beni confiscati alla presenza della dott.ssa Manuela Giaretta, il dr. Matteo Burburan e il Dr. Mario Alessandro Belloni della Direzione centrale Programmazione, finanza e controllo di gestione della Giunta regionale. L’argomento posto in evidenza dalla consigliera Carcano era la difficoltà di poter accedere alla documentazione allegata ai verbali del Coordinamento previsto dalla normativa di giunta regionale in materia di gestione dei beni confiscati (2011). Da parte dei rappresentanti della Direzione regionale si sono portate tutte le informazioni necessarie per capire come fossero stati spesi i fondi girati ad ALER per i progetti di ristrutturazione e manutenzione dei beni assegnati.  Alla fine del dibattito in cui sono intervenuti alcuni consiglieri per chiedere ulteriori spiegazioni (Girelli, Borghetti, Martinazzoli, Mainini) è rimasta la domanda sulla bontà di una procedura che prevede la figura di intermediazione gestionale (oggi individuata in ALER) e ci si è posti la domanda su come risolvere la discrepanza tra la volontà di poter accedere ai beni da parte dei Comuni e la scarsità di risorse dei Comuni medesimi che alle volte non riescono a contribuire con una loro quota ai lavori di ristrutturazione dei manufatti.

     

    Situazione carceraria in Lombardia

    Non si è riunita.

     

    Rapporti tra Lombardia, Confederazione elvetica e Province autonome

    Non si è riunita.

     

    Riordino autonomie

    Non si è riunita.