• Report settimana 22 – 26 Maggio 2017

    I Commissione

    Mercoledì. Nella seduta è stata illustrata la Rel. n. 94 “Relazione annuale sulla semplificazione – 2017” con particolare attenzione alle azioni in materia di semplificazione riguardanti le materie di competenza della commissione (sperimentazione bollo auto e ecotassa). A seguito di tale illustrazione si è deciso di inviare delle osservazioni alla commissione II, riguardanti in particolare il monitoraggio sui benefici e sugli introiti rispetto alle iniziative di semplificazione sopracitate. Circa l’approvazione di tale documento il nostro gruppo si è espresso con un voto di astensione, motivato dal metodo utilizzato per la presentazione di questo documento, avvenuta dopo aver già approvato in Consiglio regionale la Legge di semplificazione 2017.

    Giovedì – congiunta con V commissione. Nella seduta si è svolta l’audizione con l’assessore Sorte in merito alle risultanze della riunione del GECT Reno – Alpi, il Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale “Alleanza Interregionale per il Corridoio Reno – Alpi GECT”, riunione tenutasi lo scorso 8 maggio. La nostra regione è appena entrata a far parte di questo gruppo. L’assessore con l’ausilio dei dirigenti della Direzione Infrastrutture e Mobilità ha brevemente esposto i progetti in atto per il completamento del corridoio Reno – Alpi. Alle due commissioni verranno trasmessi da parte dell’assessorato i documenti dettagliati relativi a questo gruppo di cooperazione.

     

    II Commissione

    Presentazione del “Policy Paper” “Riorganizzazione territoriale degli enti di area vasta, Città Metropolitana e nuove Province, nonché riorganizzazione territoriale della P.A. in Lombardia” a cura di Eupolis Lombardia.

     

    III Commissione

    Lunedì – audizioni. La prima audizione ha visto i vertici della Fondazione Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano intervenire in merito al trasferimento tecnologico dell’innovazione negli IRCCS pubblici in Regione Lombardia. Il caso segnalato alla Commissione, abbastanza paradossale, è quello del tentativo da parte medici e ricercatori dei laboratori di Via Sforza che fanno quotidianamente ricerca finalizzata all’invenzione di medicinali e dispositivi, di rendere questi ultimi commercializzabili così che con gli utili si possa poi sostenere maggiormente la loro ricerca e stabilizzare qualche ricercatore precario. Nel richiedere alla Regione, come previsto da Statuto, l’autorizzazione per creare una spin-off costituita da ricercatori, Fondazione e partner privati per sviluppare, sperimentare e commercializzare un dispositivo medicale innovativo per la cura delle piaghe da decubito, si sono trovati di fronte alla risposta negativa da parte dei funzionari regionali che hanno valutato la richiesta. Diniego motivato con l’obbligo di procedere alla selezione dei partner privati sulla base di una gara ad evidenza pubblica, pur se è facilmente comprensibile come in un caso come questo sarebbe necessaria un’interpretazione meno stringente per consentire alla ricerca lombarda di crescere realmente. A seguire l’audizione con il Responsabile del Centro disturbi extrapiramidali – IRCCS Galeazzi in ordine alle procedure di rimborso nell’ambito della neurochirurgia funzionale DBS (neurostimolazione cerebrale profonda) per i disturbi ossessivo compulsivi (OCD) gravi, refrattari e farmacoresistenti. In Lombardia si stimano 10-15 casi annui di soggetti con OCD severo, resistente ai trattamenti, tuttavia i rimborsi ai Centri di riferimento (Istituto neurologico Besta, Istituto Galeazzi, Ospedale Maggiore Policlinico, Ospedale San Paolo) non sono commisurati ai costi sostenuti. La DBS è agevolmente impiegata nel Parkinson grazie all’extra-rimborso che garantisce la copertura dei costi sostenuti dal Centro, da qui la richiesta di erogare per la DBS lo stesso extra-rimborso previsto per tale patologia. Si tratta di malattie (OCD e Parkinson) invalidanti, con costi sociali elevati e gravi disagi per pazienti e caregivers. Infine l’audizione con la Presidente di Alleanza delle Cooperative Italiane Lombardia sulla situazione delle strutture residenziali terapeutico-riabilitative di NPIA. Nel corso dell’incontro è stato evidenziato l’aumento dei ricoveri in servizio psichiatrico, aumenti nell’ordine del 28 per cento sui ricoveri in generale e del 100 per cento per quanto riguarda la diagnosi e cura  (rapporto SINPIA 2015). Nella nostra regione ci sono diverse strutture accreditate che tuttavia, dal punto di vista del budget, non riescono a rispondere alle emergenze; da qui la richiesta di reindirizzare le risorse impegnate per far fronte ai costi dei posti extra regione verso i posti già accreditati e non budgetizzati in regione. La seconda richiesta formulata è l’istituzione di un tavolo tecnico della neuropsichiatria infantile in cui discutere di queste criticità e di ulteriori approfondimenti. La commissione si è impegnata nella redazione di una risoluzione per chiedere alla Giunta di riequilibrare l’offerta lombarda rispetto alla domanda e avviare una riflessione strategica, di medio e lungo periodo, su come affinare, potenziare e adeguare l’offerta ai bisogni sociosanitari nel campo della neuropsichiatria infantile.

    Mercoledì – audizioni in merito al Regolamento che definisce requisiti e procedure per l’iscrizione e la modalità di gestione dell’albo dei centri antiviolenza, case rifugio e case di accoglienza (Par. 134), sul quale la Commissione è chiamata ad esprimere il proprio parere. Ai seguenti link alcuni dei materiali illustrati:

    Casa di accoglienza delle donne maltrattate di Milano
    http://www.pdregionelombardia.it/documenti/43091CasaDonneMaltrattate_CAD_MI.pdf

    Telefono Donna
    http://www.pdregionelombardia.it/documenti/43090TELEFONO_DONNA.pdf

    Nel corso della successiva seduta, la Commissione ha licenziato all’unanimità la proposta di risoluzione concernente determinazioni in ordine alla clownterapia. Il documento impegna la Giunta a: -valorizzare le attività di clownterapia in particolare all’interno delle strutture ospedaliere; -favorire percorsi di formazione condivisi per i volontari che svolgono tale attività all’interno di enti e associazioni riconosciute; -predisporre un apposito elenco di soggetti del Terzo Settore abilitati a svolgere interventi di clownterapia.

     

    IV Commissione

    Rel 94 – relazione annuale semplificazione. Abbiamo espresso voto favorevole alla relazione annuale sulla semplificazione, documento di sintesi che illustra i principali e più rilevanti ambiti in cui si sono sviluppati gli interventi di semplificazione e di digitalizzazione attivati dalla Giunta nel 2016. Pur sottolineando l’inopportunità della tempistica della discussione dell’atto in Commissione, che avviene dopo che la legge di semplificazione è stata già approvata dall’aula due settimane fa, abbiamo apportato alla discussione diversi suggerimenti che il relatore ha fatto propri in toto: migliore allineamento dei bandi regionali a quelli nazionali/europei per sfruttarne l’effetto volano, semplificazione delle procedure e modulistica per l’organizzazione di sagre e fiere, aggregazione e sviluppo dei SUAP, nonché l’avvio di uno studio delle best practice in materia introdotte dalle altre regioni italiane e da quelle facenti parte i 4 motori d’Europa.

     

    V Commissione

    Audizione congiunta con I commissione sulle risultanze della riunione del Gruppo europeo di Cooperazione territoriale (GECT) Reno Alpi tenutasi l’8 maggio 2017. I dettagli al resoconto della I commissione. A seguire presentazione del Piano territoriale regionale d’area Franciacorta. Il dott. Federici ha illustrato le slides che saranno trasmesse ai componenti della commissione. Infine è stato votata (con voto di astensione del gruppo Pd, è intervenuto il consigliere Straniero) la relazione annuale sulla semplificazione, edizione 2017.

     

     

     

    VI Commissione

    Ad apertura di seduta hanno avuto luogo le audizioni riguardanti la Mozione 811 “Linee guida per l’impiego dei fertilizzanti sui suoli”. A seguire l’incontro con la Direzione generale Ambiente in merito sia alla mozione 811 sui fanghi sia alla mozione 773 sull’applicazione di nuove tecnologie di monitoraggio degli elementi aria e suolo. E’ stata infine presentata, discussa e votata la REL 94; i consiglieri del PD hanno votato contro.

     

    VII Commissione

    Si è tenuta l’audizione dell’UPL (Unione Province Lombarde) in merito ai sistemi bibliotecari lombardi e alle loro competenze. E’ stato firmato un protocollo d’intesa con Regione sulle linee guida per l’anno 2017 che comprende le competenze delle province e rivendica il loro rafforzamento. Sull’ambito dei sistemi bibliotecari, l’Upl ha espresso contrarietà allo collocazione della gestione in capo all’ente regionale e ha rivendicato il servizio come uno dei migliori in Italia. Sull’annosa questione della gestione delle risorse e della loro destinazione, Upl ha chiesto più finanziamenti e in tempi certi per garantire il servizio ai cittadini. Sono state, poi, illustrate 3 relazioni relative all’ambito culturale: “RAPPORTO SUGLI INTERVENTI PER LA PROMOZIONE, IL COORDINAMENTO E LO SVILUPPO DI SISTEMI INTEGRATI DI BENI E SERVIZI CULTURALI”, “APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA EX L.R. 13/2007 ECOMUSEI”, “APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI SPETTACOLO – ANNO 2016”. Le criticità che emergono e che sono state sottolineate in commissione sono lo scostamento fra domande pervenute e domande ammesse e l’incertezza di programmazione per mancanza di risorse economiche. Riguardo alla relazione sui ecomusei, è emerso che a un elevato finanziamento iniziale non è più seguito alcun investimento e di 44 ecomusei lombardi, solo 10 possono ritenersi eccellenti. Nelle conclusioni emergono aspetti interessanti quali la revisione dei requisiti per il riconoscimento degli ecomusei e le modifiche di valutazione degli stessi. A conclusione della  seduta è stata accennata anche l’istruttoria del comitato paritetico di cv sulle 3 relazioni, dalla quale è emerso che nelle prossime rendicontazioni devono essere specificati e approfonditi: obiettivi e risultati attesi; interventi realizzati; soggetti coinvolti, beneficiari raggiunti ed eventuali criticità riscontrate.

     

    VIII Commissione

    Abbiamo approvato il progetto di legge in tema di contenimento dei danni causati dai cinghiali sul nostro territorio, il testo è stato licenziato anche con il voto favorevole del PD e ora dovrà passare l’esame dell’aula. Regione Lombardia dovrà entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge predisporre la suddivisione del territorio lombardo in aree vocate (entro una certa densità) e non vocate (dove la presenza deve tendere allo zero) alla presenza del cinghiale. Successivamente si stabiliranno le modalità di controllo mediante piani di prelievo che a seconda del territorio e della sua vocazione saranno effettuati tramite controllo selettivo e/o prelievo venatorio. Sono inoltre previsti indennizzi e contributi pre-indennizzo danni con la compartecipazione degli ATC E CAC, la valorizzazione della carne di cinghiale e viene anche normata l’attività di recupero degli ungulati feriti. Tra le novità introdotte è previsto il dovere degli ambiti e comprensori alpini di risarcire fino al 50% i danni causati dai cinghiali nelle aree dove è consentita la caccia; gli stessi comprensori avranno il compito di promuovere iniziative di prevenzione. Secondo Coldiretti, il conto totale dei danni in Lombardia negli ultimi 12 anni ha ormai superato i 17 milioni di euro, di cui 13 milioni per assalti ai campi e 4 milioni per schianti automobilistici.

     

    COMMISSIONI SPECIALI

     

    Antimafia

    È stato fatto il punto sui prossimi incontri e iniziative da organizzare, nell’ambito delle materie di

    competenza.

     

    Situazione carceraria in Lombardia

    Non si è riunita.

     

    Rapporti tra Lombardia, Confederazione elvetica e Province autonome

    Non si è riunita.

     

    Riordino autonomie

    Non si è riunita.