• “Path” di Eddi da Flickr.com

    Report settimana 4 – 8 Maggio 2015

    I Commissione

    Non si è riunita.

     

    II Commissione

    Seduta congiunta con la commissione speciale Riordino delle autonomie: nella seduta odierna viene audito Daniele Nava, Sottosegretario alle riforme istituzionali, agli enti locali, alle sedi territoriali e alla programmazione, in merito al PDL n. 223 “Riforma del sistema delle autonomie della Regione in attuazione della legge 7/04/2014, n. 56 (Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di Comuni)”. Lo stesso relaziona sulla seduta plenaria dell’Osservatorio regionale per l’attuazione della legge n. 56/2014.

    Sessione singola: si procede con la seconda commissione e viene audito il Difensore regionale, Dott. Donato Giordano in merito al PDL n. 175 “Modifiche ed integrazioni alla l.r. n. 18/2010 ‘Disciplina del Difensore regionale’”. Al termine della relazione i consiglieri PD sollevano obiezioni sul PDL chiedendo se tale progetto comporti un aumento di personale e di costi.

     

    III Commissione

    Lunedì. Si è tenuta l’audizione con vertici di Fondazione Maugeri, il Presidente della Fondazione Prof. Gualtiero Brugger, il direttore generale dr. Gianni Giorgi e quello amministrativo dr. Paolo Migliavacca. Obiettivo era l’illustrazione del piano di risanamento che prevede la richiesta al Tribunale di un concordato in continuità con rimborso sostanzialmente integrale dei debiti di FSM, quelli già scaduti pari a circa 230 milioni oltre alle altre passività ordinarie e correnti per 130. Inoltre è previsto il rinnovamento della struttura societaria con la costituzione di un Fondo immobiliare chiuso, al quale sarà conferito in parte il patrimonio immobiliare di FSM (21 sedi operative in tutta Italia), una Società a responsabilità limitata con funzioni di “Veicolo speciale di smobilizzo” che cioè servirà a trasferire le quote del fondo a una parte dei creditori, e una “Newco”, ossia una società per azioni-Srl cui verrà trasferita in blocco l’attività medico-sanitaria e di ricerca della Fondazione (In base all’accordo transattivo, per  il danno che un successivo e dedicato giudizio civile venisse stabilito, regione potrà rivalersi sul pegno offerto dal Piano, ossia su 100% delle quote/azioni rappresentative del capitale della Newco). La concreta approvazione di questo piano e’ condizionata dall’adesione dei principali creditori, in primis dalla regione che pesa per il 53%. Il 24 aprile u.s. è stato deliberato l’accordo transattivo tra R.L. e Maugeri sulla richiesta complessiva della “domanda risarcitoria” che era stata individuata dalla Procura della Repubblica in 230 milioni di euro. Regione quindi si impegna a revocare la costituzione di parte civile nei confronti del sig. Passerino con conseguente estromissione della Fondazione Maugeri come responsabile civile e, come contropartita chiede: 2,5 mln di euro cash in tre rate (subito, 12 mesi, 24 mesi); la rinuncia, da parte di FSM, ad un credito di 1.113.346 relativo a rimborso per farmaci periodo ott-dic 2011; l’azzeramento dei due contenziosi (cause pendenti al Tar) in essere, relativi ai fondi della legge “no profit per i progetti di riqualificazione di Tradate e di Montescano del valore di 9.398.870 Per il primo e 10.509.809 per il secondo. Il totale potenziale della contropartita ammonterebbe a 23.522.025 euro. Inoltre la Fondazione Maugeri si impegna, a richiesta di R.L., a costituire in pegno (con rinuncia da parte della Regione ai dividendi e al diritto di voto) il 100% delle azioni della Newco che rappresentano l’intero capitale sociale, e a cui viene attribuito un valore complessivo compreso nel range 138-199 milioni di euro. Le motivazioni a supporto della scelta di firmare l’accordo transattivo sono state: l’impossibilità, senza firma, per fondazione Maugeri di ottenere l’omologa del Tribunale del concordato in continuità e, di conseguenza, si creerebbe una situazione di insolvenza e incapacità di soddisfare richieste dei creditori. Inoltre la consapevolezza della necessità di salvare una importante realtà produttiva di servizi assistenziali di eccellenza che dà impiego a 3500 dipendenti al netto del personale con contratto libero professionale. I consiglieri PD hanno chiesto, e ottenuto, rassicurazioni in primis sul mantenimento dei livelli occupazionali in tutte le sedi di Maugeri lombarde e sui dettagli del nuovo progetto previsto per la riqualificazione della sede di Montescano che sarà realizzato in toto entro il 2020.

    Mercoledì. Si è votato, con una procedura senza precedenti, la scelta del maxiemendamento firmato da tutti i capigruppo di maggioranza come testo di riferimento per la riforma del sistema sociosanitario. Forte contrarietà è stata espressa da parte dei consiglieri PD nei confronti di simile procedura, un escamotage per uscire dall’impasse in cui si trova la maggioranza. Si aprono ora i termini per la presentazione dei sub emendamenti: entro il 3 Giugno dovranno essere depositate le varianti al testo. La richiesta dell’intervallo di un mese è stata rivendicata dai consiglieri del gruppo PD, una pretesa necessaria per programmare una vera discussione, evitando l’ennesimo tentativo di contingentare i tempi. In avvio di seduta erano stati illustrati dai rispettivi relatori, coadiuvati dai tecnici di Giunta, i seguenti provvedimenti: PAR n. 68 “Approvazione delle linee guida della l.r. n. 33/2014, Istituzione della leva civica volontaria regionale”; PAR n. 67 “Modifiche al Regolamento generale n. 1/2004 “Criteri generali per l’assegnazione e la gestione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica” in attuazione dell’art. 5 della l.r. n. 18/2004 “Norme a tutela dei coniugi separati o divorziati in condizioni di disagio”; proposta di risoluzione “Attuazione delle linee guida per l’implementazione della rete lombarda dei centri di senologia (Breast Units Network)”; proposta di risoluzione “Diagnosi e cura delle nuove dipendenze immateriali”. Nella seduta di prossima settimana i quattro provvedimenti saranno messi al voto.

     

    IV Commissione

    Pdl Riforma del Turismo. Il gruppo di lavoro costituito ad hoc per una prima analisi del provvedimento ha proseguito l’analisi puntuale dell’articolato soffermandosi sulle finalità e competenze della Regione e dei Comuni. E’ emersa una diversa visione in merito al ruolo ed ai compiti dei sistemi turistici: il progetto di legge vorrebbe sminuirli a vantaggio di un unico brand denominato destinazione Lombardia. Secondo la nostra idea invece non possiamo permetterci di perdere sistemi ben rodati come ad esempio quello relativo al lago di Como. Nel mondo, fino a prova contraria, è più conosciuto il lago di Como che la Lombardia. E’ stato inoltre proposta una bozza di calendarizzazione che prevede l’approdo del testo in Commissione entro la prima metà di luglio e la discussione in aula entro la fine di luglio.

    Audizione Monitor Elevator srl. La “Monitor Elevation Solutions Srl” (in liquidazione volontaria dal 09.02.2015) opera nel settore ascensoristico; risulta di comproprietà di 2 società (di cui una francese), ha sede legale a Baranzate (MI) ed impiegava (al 31.12.2014) 155 dipendenti (76 a Baranzate e 79 a Vergiate). In data 06/08/2014 vi era stata una compravendita dell’intera azienda che prima si chiamava “Monitor Spa” e confluita nella “Monitor Elevation Solutions Srl” con trasferimento di tutti i suoi dipendenti. In data 17.2.2015 è stato depositato al Tribunale di Milano un ricorso per ammissione al Concordato Preventivo (con riserva di presentare successivamente una proposta). Le OO.SS. presenti hanno espresso lo stupore e la rabbia dei dipendenti per la messa in liquidazione della società e per la messa in mobilità di 160 lavoratori, in quanto lo scorso dicembre, l’azienda aveva chiesto solo una Cigs per tamponare un calo di commesse, mentre poi ha cominciato a non pagare più ne i dipendenti ne i fornitori. Resteranno comunque in servizio solo una trentina di lavoratori per evadere le commesse già in ordine.  Come Commissione ci siamo impegnati a tentare di convocare ed audire la proprietà con la speranza di potere scongiurare la chiusura definitiva cercando, tra le pieghe dei finanziamenti regionali, di proporre delle misure adatte a risollevare la situazione contingente.

    PDL 249 “Legge di semplificazione”. Abbiamo audito ANCI, Città Metropolitana, Confcommercio e FIVA in merito agli articoli 8 e 15 del progetto di legge in materia di semplificazione anno 2015. Tutti i soggetti hanno espresso un parere favorevole sui contenuti del provvedimento apprezzando soprattutto l’aggiunta di 3,1 milioni di euro relativi alla valorizzazione e promozione dell’attrattività dei territori lombardi in occasione di EXPO 2015, la rimodulazione della sanzione di confisca della merce in caso di violazione dei limiti d‘orario o di dimensione del posteggio nel commercio ambulante in sede fisse e non da ultimo la procedura semplificata di comunicazione di sospensione temporanea e volontaria dell’attività di distribuzione carburanti per autotrazione.

     

    V Commissione

    La Commissione ha svolto una serie di audizioni con i Presidenti delle ALER lombarde. Nel corso degli interventi sono stati illustrati gli stati di avanzamento del crono programma fissato in delibera regionale nello scorso mese di febbraio e relativi alla applicazione della legge regionale di riordino della governance. Numerosi sono gli spunti emersi che tracciano un quadro sia della situazione attuale che delle strategie future delle Aler lombarde. Il consigliere Rosati ha sottolineato come tali risultanze siano fondamentali per verificare l’andamento gestionale e finanziario delle ALER e ha auspicato un maggiore coinvolgimento dei sindacati dei lavoratori e degli inquilini per il prossimo futuro.

     

    VI Commissione

    La seduta di Commissione ha nei fatti concluso la ricognizione delle osservazioni e i relativi chiarimenti tecnici in merito alla PDA n. 0023 (Piano cave provinciale di Bergamo) in vista del voto e del passaggio al vaglio dell’Aula previsto per la seconda metà di giugno. Come richiesto il Commissario ad acta Elefanti ha risposto alle domande inoltrate nel corso della seduta precedente e relative al fatto che vi fossero o meno – nella proposta di Piano – delle cave di prestito cui fosse stato riconosciuto a tutti gli effetti lo status di cave di piano e quale fosse stato il livello di escavazione raggiunto negli anni precedenti rispetto alle previsioni di piano. Questo verificato si è ritornati sul tema della “cava di Valgoglio” sulla quale ha relazionato il responsabile della struttura per la Valutazione di Incidenza, ribadendo l’impossibilità di prevedere attività di cava sull’area richiesta dall’operatore. È apparsa chiara la volontà della maggioranza e dell’opposizione (anche nostra) di trovare un soluzione ad una situazione normativa che non prevede la specificità delle cave in sotterranea. E su questo occorrerà fare un approfondimento. La commissione viene riaggiornata per la votazione della PDA alla prossima settimana.

     

    VII Commissione

    E’ stata trasmessa dalla Direzione Generale Cultura la nota sul monitoraggio degli atti riguardo al alcuni approfondimenti richiesti dal Pd. Nel dettaglio sono state riportate le risposte dell’Assessore per comprendere meglio lo stato di attuazione di mozioni e ordini del giorni. Per quanto puntuali, il consigliere Pizzul ha sollevato a nome del Pd una certa genericità di intervento da parte della Regione, mettendo a verbale che il Pd reputa non soddisfacenti le risposte date. Inoltre, è stato nominato il relatore della legge di semplificazione 2015, che sarà Fossati.

    In breve le note presentate dall’assessorato:

    MOZ. 120: per dotare l’autodromo di Monza di un luogo museale, si ribadisce che RL rimane in attesa di un progettazione più puntuale.

    MOZ. 215: per la tutela e buona conservazione dei beni culturali del patrimonio della Certosa di Pavia, sono elencati alcuni interventi di risanamento e sui fondi richiesti alla Comunità Europea per il restauro architettonico si è in attesa di riposta.

    MOZ. 209: per valorizzazione del patrimonio della città di Monza, restaurata la Cappella Teodolinda e finanziato il restauro del Duomo ma non perviene la valorizzazione  e promozione.

    ODG. 224: per creare percorsi didattico/culturali per far conoscere la Guerra Bianca fra gli studenti, avviati dei progetti che prevedono iniziative di coinvolgimento delle scuole. E’ disponibile la tabella con i progetti finanziati.

     

    VIII Commissione

    Non si è riunita.

     

    COMMISSIONI SPECIALI

     

    Antimafia

    Seduta congiunta con II commissione Affari Istituzionali: si decide su come lavorare ai testi proposti dal Partito Democratico e Patto Civico, dai 5stelle e dalla Giunta. Per la Carcano e Girelli non ci sono problemi a partire da un qualsivoglia testo ricordando però l’impianto dato da Avviso pubblico che sembra inglobare tutti i vari livelli dell’azione istituzionale: prevenzione, contrasto e riduzione del danno. L’Ufficio legislativo pone l’accento sul fatto che con la legislazione vigente si sono ottenuti dei risultati in materia di attribuzione di funzioni e competenze, che non vanno dispersi, sarebbe quindi utile non abolire il testo, non parlare di testo unico ma di operare una novellazione della legge esistente in modo tale da tenere nella nuova legge quanto già acquisito. La proposta trova tutti d’accordo. Borghetti chiede anche che la sistemazione dell’articolato venga vista come occasione per capire quanto della normativa precedente è stato utile e quanto necessita di una revisione. Rimane infine aperta la questione della istituzionalizzazione della Commissione antimafia che si pensa di portare in discussione nella revisione dello Statuto e quello della permanenza dell’Osservatorio per la legalità. Alla fine si da mandato all’ufficio legislativo di predisporre un testo che raccolga quanto presente nelle leggi e nei 3 pdl. Si ipotizza di procedere celermente perché rimane fissata al momento la data del 16 giugno per il passaggio in Aula della proposta di Legge.

    Sessione singola – La prima parte della seduta è dedicata alla comunicazione degli impegni già fissati in calendario: il 22 maggio l’incontro con Avviso Pubblico che relazionerà sulle attività messe in campo nelle pubbliche amministrazioni, l’8 giugno la presentazione del Rapporto sulle Mafie al Nord (già presentato recentemente a Como) con Nando Dalla Chiesa. Vengono poi nominati i relatori della REL N. 39 “Relazione sull’attuazione dei piano di attività di Audit anno 2014′” (Pietro Foroni) e della REL N. 40 “Stato di attuazione della l.r. n. 2/11: ‘Azioni orientate verso l’educazione alla legalità – rapporto della Giunta al Consiglio regionale'” (Carlo Borghetti). Nella seconda parte della seduta si è tenuta la comunicazione dell’Associazione Libera in merito ai beni confiscati, sull’attività dell’associazione e sui problemi che rimangono aperti. Dalla relazione sono emersi alcuni temi che potranno essere al centro della riflessione della commissione: il nuovo protagonismo richiesto alla Regione, la necessità di lavorare su un maggior feedback con le Prefetture che non trasmettono i dati (così da poter rendere effettivamente l’immagine della consistenza dei beni confiscati alla mafia, che per Libera sono intorno ai 5.000 nella sola Lombardia contro i 1.300 censiti ufficialmente), il diverso utilizzo delle risorse confiscate alla mafia che finisco nel Fondo unico di giustizia.

     

    Situazione carceraria in Lombardia

    Sono state assunte le determinazioni in merito all’iniziativa “L’amore vincerà – Concert show per la pace nel mondo”, in scena i detenuti di massima sicurezza del Laboratorio del Musical attivo presso il carcere di Opera. L’evento benefico si terrà il 20 e 21 maggio all’Auditorium Gaber di Palazzo Pirelli.

     

    Riordino autonomie

    Seduta congiunta con la II commissione Affari Istituzionali.

     

    Rapporti tra Lombardia, Confederazione elvetica e Province autonome

    Non si è riunita.