• Report settimana 5 ottobre  – 9 ottobre 2015

    I Commissione

    Non si è riunita

    II Commissione

    Non si è riunita

    III Commissione

    Proseguono le consultazioni sui futuri assetti delle Aziende Ospedaliere, destinate, dalla nuova legge di riforma della sanità, a trasformarsi in Aziende Socio Sanitarie Territoriali (Asst). Dopo il Papa Giovanni XXIII di Bergamo e gli Spedali Civili di Brescia, questa settimana sono stati auditi i vertici di Asl Monza Brianza e dell’AO San Gerardo di Monza e, a seguire, le direzioni generali di Asl Varese e dell’AO Fondazione Macchi. In entrambi i casi gli accorpamenti previsti dalla l.r. 23/2015 sollevano significative critiche. La consigliera Barzaghi, nel suo intervento, ha ribadito come sarebbe opportuno che si mantenesse l’azienda ospedaliera del San Gerardo, riconoscendole il ruolo di eccellenza e l’alta specializzazione delle cure; il resto del territorio andrebbe riunito nell’Asst di Desio e Vimercate. Per quanto riguarda la realtà varesina, il consigliere Alfieri ha portato all’attenzione della commissione l’anomalia dell’ospedale di Angera che, nei nuovi assetti previsti dalla riforma, viene dissociato dal proprio territorio per diventare un’enclave ospedaliera di un’altra Asst (Valle Olona), insita in un contesto che non è più il suo di riferimento. Questa soluzione rischia di creare un’importante distorsione nel rapporto tra ospedale e territorio, mettendo in discussione il principio cardine della riforma.

    A questi link è possibile trovare i materiali presentati:

    Asl Monza Brianza  http://www.pdregionelombardia.it/documenti/40948ASL%20Monza%20Brianza.pdf

    AO San Gerardo http://www.pdregionelombardia.it/documenti/40947AO%20San%20Gerardo%20Monza.pdf

    AO Macchi Varese  http://www.pdregionelombardia.it/documenti/40944Macchi%20Varese_Strutture_Accreditate2_2015.pdf

    Asl Varese

    http://www.pdregionelombardia.it/documenti/40945Mappa%20ASST%20Varese.pdf

    Mobilità distretto Varese (Asl e A.O.)  http://www.pdregionelombardia.it/documenti/40946mobilità%20Distretto_Varese.pdf

     

    Sconvocati la seduta e il gruppo di lavoro sul Pdl 228 bis.

     

    IV Commissione

    Audizione ricadute occupazionali TPL Pavia

    Abbiamo audito in Commissione le organizzazioni sindacali del trasporto pubblico locale, la Provincia di Pavia ed il Comune di Voghera in merito alle ricadute occupazionali a seguito della gara per l’affidamento del trasporto pubblico locale per la provincia di Pavia. Il passaggio da 5 gare diverse ad una sola gara ha comportato si delle economie di scala, ma dall’altro lato ha comportato la perdita secca di un centinaio di dipendenti tra autisti, controllori e meccanici. Come commissione ci siamo fatti parte attiva attivando una verifica presso il nostro servizio legale della regolarità giuridica della gara e programmando un affondo circa le clausole di salvaguardia occupazionale previste dalla legge regionale.

    Audizione Grandi Officine di Sermide (MN)

    Abbiamo audito il Sindaco di Sermide accompagnato dal rappresentante del comitato a favore del rilancio delle Grandi Officine. Dopo un primo riassunto dell’incontro tenutosi dall’Ufficio di Presidenza della IV Commissione con l’Assessore regionale emiliano ai Trasporti dello scorso mese di luglio abbiamo ascoltato i timori e le criticità sottolineate dall’amministrazione comunale, in particolare del futuro immediato dello stabilimento e del suo sviluppo futuro. Come commissione ci siamo impegnati ad un ulteriore affondo presso l’assessorato per una verifica puntuale dello stato dell’adeguamneto sismico realizzato e da realizzare dopo il terremoto che ha colpito il sito nel 2012. Abbiamo inoltre ritenuto opportuno, essendosi esaurito il nostro lavoro, di coinvolgere la V Commissione per un incontro/confronto con RFI ed il gestore della rete sul futuro delle grandi officine che a nostro avviso non può prescindere da un ampliamento delle manutenzioni non solo ai treni diesel ma anche a quelli elettrici.

    PDL 246 Cooperazione

    Il relatore del provvedimento ha dato una rapida lettura a tutti gli emendamenti presentati ed al parere giuridico del nostro servizio legale per una prima scrematura in vista del voto definitivo previsto per il prossimo giovedì. Come gruppo abbiamo insistito su di una maggiore trasparenza delle gare d’appalto che coinvolgono le Cooperative (concetto ripreso nel PLP firmato anche da noi la scorsa settimana), sul coinvolgimento dei consorzi di cooperative negli incubatori e su di un maggiore ruolo della IV commissione nelle decisioni della giunta.

    V Commissione

    La seduta ha visto la trattazione del PAR 74 “Regolamento regionale: disciplina della gestione del demanio lacuale e idroviario e dei relativi canoni di concessione”, relatore Ferrazzi (Lista Maroni. Il  PD ha presentato due osservazioni a firma del consigliere Straniero e numerose richieste di chiarimenti da parte del consigliere Alloni. Solo una delle due osservazioni, quella riguardante misure per facilitare il settore della nautica, è stata accolta mentre è stato bocciato con voto della maggioranza quello relativo al riservare, se sussistono particolari condizioni, ai residenti fino al 50% degli ormeggi. Ferrazzi ha inoltre portato in Commissione numerosi aggiustamenti al testo che alla fine è stato votato ed approvato anche con il voto favorevole del PD. E’ stato poi illustrato dal relatore Anelli il PDL 266 “Revisione della normativa regionale in materia di difesa del suolo e di gestione dei corsi d’acqua”. Si tratta di un testo complesso e trasversale in materia di difesa del suolo e di acque che ha aspetti innovativi sulle invarianze idrauliche e sulla tutela del territorio. Al termine si è svolta l’audizione con l’Associazione Amici Parco Nord in merito alla vasca di laminazione delle acque del Seveso nel territorio del Comune di Milano limitrofa al Comune di Bresso. La vicinanza con nuclei abitativi, il dubbio sulla realizzazione complessiva del progetto lunga l’asta interessata, la qualità delle acque e la reversibilità a medio lungo termine dell’intervento sono stati i temi toccati.

     

    VI Commissione

    Si è svolta l’audizione con il “Comitato ecologico“di Mantegazza (Vanzago) in merito ad un nuovo

    procedimento avviato dal Settore “Rifiuti, bonifiche e autorizzazioni integrate ambientali”.

    Si è poi tenuta l’audizione con il Comune di Settimo Milanese in ordine al progetto “Interconnector

    Svizzera – Italia”.

    Infine, ha avuto luogo l’audizione con la GRID S.r.l. per l’illustrazione del progetto “ET Green”,

    relativo alla bonifica dell’amianto su edifici pubblici.

     

    VII Commissione

    Si è proseguito con l’illustrazione delle osservazioni alla risoluzione presentata dal Presidente  di commissione sulle politiche giovanili, contenute nel documento europeo.

    Come gruppo Pd, sono state riportate le seguenti raccomandazioni:

    rafforzare le politiche di contrasto alla dispersione scolastica nell’ambito delle risorse del FSE; valorizzare la proposta del servizio volontario europeo nell’ambito dell’iniziativa Volontari europei per l’aiuto umanitario anche come possibile strumento di intervento e di impegno dei giovani nell’ambito dell’emergenza profughi; sostenere le attività di animazione sociale ed educativa delle organizzazioni giovanili presenti nei diversi paesi europei; promuovere percorsi per raggiungere i giovani che vivono in contesti più svantaggiati e a rischio emarginazione con l’obiettivo di includerli nei percorsi formativi già strutturati e favorire la loro partecipazione ad attività sociali; promuovere politiche e iniziative di inclusione dei soggetti diversamente abili in età giovanile in ambito scolastico, culturale e sportivo; costruire piattaforme sociali di partecipazione e condivisione tra giovani di diverse nazionalità, favorire una più ampia partecipazione degli studenti meno abbienti al programma Erasmus+, anche attraverso il loro coinvolgimento in programmi di lavoro part-time interni all’università di destinazione; favorire lo scambio interistituzionale di dati, opportunità e buone pratiche relative ai giovani europei; implementare i piani di comunicazione dedicati alle opportunità di cooperazione europea per i giovani, in modo che siano maggiormente accessibili e conosciuti.

    L’accoglimento da parte del Presidente delle integrazioni Pd ha comportato il voto favorevole del gruppo. La risoluzione verrà così modificata e trasmessa in I commissione.

     

    VIII Commissione

    In commissione VIII  è proseguita la discussione sul PDL 250 “Legge di riconoscimento e tutela del diritto al cibo”,  prima con l’apposito gruppo di lavoro e poi nella seduta di commissione. Diversi gli emendamenti presentati sui quali la discussione è stata molto ampia e complessa. Il voto finale è previsto per settimana prossima.

    Il progetto di legge che vede tra i suoi firmatari anche alcuni esponenti del PD ha lo scopo di riconoscere e tutelare il diritto universale di accesso sostenibile al cibo come diritto umano fondamentale. Lotta alla povertà, corsi di formazione che educhino alla corretta alimentazione e  contro lo spreco alimentare sono alcuni degli obiettivi che si pone questo progetto legge.

    Settimana prossima è previsto il voto finale della commissione.

     

    COMMISSIONI SPECIALI

     

    Antimafia

    Non si è riunita

    Rapporti tra Lombardia, Confederazione elvetica e Province autonome

    Sono iniziate le audizioni finalizzate alla predisposizione, da parte della commissione, di una risoluzione che accompagni la prossima discussione in Consiglio del progetto di legge n. 264 per la ratifica dell’accordo quadro tra Regione Lombardia e Cantone Ticino firmato nel mese di giugno: l’intento è indicare alla Giunta regionale alcune tematiche, più rilevanti o urgenti, su cui attivare immediatamente la collaborazione con il Ticino auspicata dall’accordo quadro. I soggetti intervenuti sono stati Confindustria Lombardia, Confapi Como e ACLI Lombardia. In particolare Confindustria ha sottolineato la necessità di intensificare l’interscambio commerciale, anche favorendo la conoscenza reciproca tra gli operatori economici di Lombardia e Ticino, e la costruzione di percorsi condivisi per la formazione professionale, fortemente indirizzati alle esigenze di competenza manifestate dalle imprese lungo il confine. ACLI ha invece indicato la mobilità sostenibile come area possibile per lo sviluppo di un efficace intervento regionale e cantonale che abbia interesse sia per i lavoratori frontalieri lombardi sia per le realtà territoriali ticinesi, ed ha sollecitato una specifica attenzione al progetto di car pooling transfrontaliero che alcuni comuni italiani limitrofi al confine stanno promuovendo per creare condizioni favorevoli a che i frontalieri adottino la condivisione dell’automobile privata come modalità per recarsi sul luogo di lavoro.

     

     

    Situazione carceraria in Lombardia

    Audizione con l’Associazione “Vivai pro natura”attiva in campo ambientale e in ambito sociale-giudiziario, aspetti condotti funzionalmente alla propria missione ambientalista. Con l’ausilio di personale volontario, l’associazione coinvolge nella propria attività persone appartenenti alle fasce più deboli: condannati in affido ai servizi sociali o che usufruiscono di misure alternative; utenti dei servizi psichiatrici. Per coloro che hanno difficoltà sociali o psichiatriche notevole è il vantaggio derivante dalla presa in carico: con lo svolgimento di due ore di lavori di pubblica utilità i condannati scontano l’equivalente di una giornata di carcere o di una multa di 250 euro. Dal 2001 l’associazione gestisce una piccola serra-laboratorio all’interno del carcere di San Vittore, dove svolge attività di formazione-lavoro nel campo della vivaistica ambientale a favore delle donne recluse. È stata portata all’attenzione della commissione l’attuale condizione di precarietà dovuta allo sfratto intimato dalla proprietà, situazione che mette in discussione il futuro delle loro attività.

     

    Riordino autonomie

    Non si è riunita