• Report settimana 9 – 13 Gennaio 2017

    I Commissione

    Non si è riunita.

     

    II Commissione

    All’odg il parere della commissione sulla delibera di giunta “Determinazioni in merito all’Agenzia Regionale Anti Corruzione (ARAC) ai sensi dell’art. 7 della l.r. 5/2016”. Il parere, favorevole, è stato espresso a maggioranza. Il Partito Democratico ha invece espresso parere negativo a questa delibera, che stanzia un milione di euro come dotazione organica e funzionale all’ARAC, in analogia con il voto negativo espresso in aula al momento della istituzione della nuova agenzia regionale. Nella delibera emerge ancora una volta come l’ARAC non sia un’autorità ma bensì un semplice “comitato”, senza personalità giuridica, alle dipendenze dell’RPC (Responsabile della prevenzione e della corruzione della Giunta) e del segretario generale della Presidenza della Regione. Nonostante le personalità che sono state nominate nell’ARAC, l’agenzia non gode di nessuna autonomia, terzietà e indipendenza dall’organo che dovrebbe controllare.

     

    III Commissione

    Audizione con le realtà regionali che operano nell’ambito delle dipendenze e fanno riferimento all’Associazione Servizi Ambulatoriali Dipendenze (ASAD). Nel corso dell’incontro è stato evidenziato come il settore, dal punto di vista normativo, sia fermo al 2005 a fronte di un sistema che, in Lombardia, è in forte crescita per numero di utenti e in costante evoluzione. Diversi gli aspetti e le criticità poste all’attenzione dei commissari: l’urgenza di aggiornare le tariffe e il budget finanziario, la necessità di armonizzare le disposizioni che interessano l’ambito delle dipendenze, oggi troppo disomogenee da Ats a Ats. Nella nostra regione il numero dei Servizi Pubblici per le Tossicodipendenze (SerT), a cui sono demandate le attività di prevenzione primaria, cura, riabilitazione, reinserimento sociale e lavorativo, è rimasto invariato negli ultimi dieci anni, nonostante il forte aumento della domanda di assistenza, e il servizio pubblico può contare sul supporto di una decina soltanto di realtà accreditate e riconosciute come SMI (Servizi Multidisciplinari Integrati). A chiusura di audizione, unanime la decisione di predisporre una risoluzione per chiedere a Regione Lombardia un intervento urgente a favore di queste realtà. Nel corso della successiva seduta è stato trattato il progetto di legge relativo ai contributi per l’installazione di sistemi di videosorveglianza all’interno delle RSA (n. 300). La proposta è tornata in commissione a seguito delle osservazioni trasmesse dall’ufficio legislativo. Al termine dell’illustrazione e del dibattito sono stati aperti i termini per la predisposizione degli emendamenti; il provvedimento  dovrebbe approdare in Aula il 21 febbraio.

     

    IV Commissione

    Audizione Par 42 – Piano di sviluppo del turismo. Abbiamo audito Confcommercio e Confesercenti in merito al piano di sviluppo del turismo e dell’attrattività. Dalla discussione sono emersi molti spunti interessanti da fare confluire all’interno del parere, in particolare: maggiori controlli da parte dei Comuni e Province, migliore programmazione dei grandi eventi, forte spinta al turismo eno-gastronomico e destagionalizzazione degli arrivi.

    Par 111 – Criteri generali contratti di solidarietà. Dopo l’esposizione generale da parte degli uffici dell’assessorato al lavoro dello scorso dicembre, siamo entrati nel vivo della discussione in merito ai nuovi criteri per il sostegno agli accordi e ai contratti di solidarietà. Con l’entrata in vigore del Jobs Act l’istituto in questione è divenuto tecnicamente una causale della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, di conseguenza ci siamo trovati come Regione a modificare la norma approvata lo scorso anno. Relativamente alla proposta della Giunta abbiamo sottolineato i seguenti aspetti che ci lasciano perplessi: le modalità di pagamento delle indennità di frequenza ai lavoratori, le risorse distribuite agli Enti di formazione professionale ed il trattamento fiscale dei contributi erogati.

     

    V Commissione

    La Commissione ha svolto una serie di audizioni sul PDL 112 “Disposizioni in materia di  collocamento di cartelli e di mezzi pubblicitari – Modifiche della l.r. 4 maggio 2001, n.9 (Programmazione e sviluppo della rete viaria di interesse regionale)”. Sono state ascoltate le associazioni di categoria maggiormente rappresentative e le associazioni ambientaliste. Tutti hanno sostanzialmente concordato con un giudizio complessivamente positivo sul provvedimento anche se già la legge esistente potrebbe bastare per regolare il settore che paga una mancanza di controlli sulle norme consentendo una proliferazione di impianti non autorizzati (in molti casi alcune imprese pagano la tassa di affissione su di essi generando un caos davvero difficile da districare con la compiacenza di uffici comunali). Non è sicuro che il PDL 112 approdi all’aula consiliare perché potrebbe essere ritirato dai proponenti. A seguire si sono svolte le audizioni sul PDL 258 “Recupero dei piani seminterrati esistenti” con le associazioni di categoria, ANCI e le associazioni ambientaliste. Non vi sono contrarietà al recupero dei seminterrati esistenti ma tutti hanno espresso sottolineature e correzioni al testo sia sotto il profilo igienico sanitario che sotto quello dell’estensione temporale. Entro pochi giorni il relatore Altitonante (FI) proporrà emendamenti e il testo potrebbe venire votato nel corso della prossima seduta e portato in Consiglio per il 24 gennaio.

     

    VI Commissione

    E’ iniziata la discussione sul PDL 317 “Nuove norme per il sostegno e la valorizzazione del personale volontario del Corpo nazionale vigili del fuoco”. E’ stata poi approvata all’unanimità la Risoluzione “Modifica e contestuale riesame avente valenza di rinnovo dell’autorizzazione ambientale integrata già rilasciata alla Ditta Silea SpA gestore dell’inceneritore di Valmadrera (LC).

     

    VII Commissione

    Dopo essere stato presentato il progetto di legge “Rete escursionistica della Lombardia”, si è proceduto in commissione con le audizioni. Sono intervenuti il Presidente del Cai Lombardia, due rappresentanti del Collegio regionale della Guide Alpine e la Presidente dell’Ersaf. Alcuni degli auditi hanno apportato modifiche al progetto di legge soprattutto inerenti alla definizione di “percorsi escursionistici” e all’articolo che istituisce il catasto regionale della rete escursionistica della Lombardia. E’ stata avanzata anche la richiesta di aumentare le sanzioni e la vigilanza sui percorsi. Unanimità nel riconoscere la necessità di avviare una legge che istituisca un catasto dei percorsi, per monitorare e intervenire su di essi, prima legge avviata in questo ambito. Si è proceduto con la votazione al progetto di legge 216 “Disciplina degli interventi regionali in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo e del cyber bullismo”. Sono stati presentati due emendamenti relativi all’istituzione della consulta regionale, emendamenti approvati. Si è proseguito alla votazione articolo per articolo e infine il testo è stato approvato all’unanimità. Il 24 gennaio verrà presentato e discusso in aula consiliare.

     

    VIII Commissione

    Si è svolta in primis l’audizione con vari soggetti sul PAR n. 112 (Programma triennale regionale della pesca e acquacoltura – PRPA). Nel corso della successiva seduta, ha avuto luogo l’incontro con il Presidente di ERSAF in ordine al Rapporto sullo stato delle foreste in Lombardia. Si è poi discusso del PAR n. 112. Infine, si è tenuta l’audizione con vari soggetti sul PDL n. 325.

     

    COMMISSIONI SPECIALI

     

    Situazione carceraria in Lombardia

    Audizione con il Direttore Generale di Infrastrutture Lombarde in merito allo stato di avanzamento del progetto di realizzazione delle REMS. L’ing. Bonomelli ha illustrato nei dettagli il cronoprogramma che porterà alla costruzione delle nuove residenze per l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria, evidenziando come i lunghi tempi per la sottoscrizione della convenzione fra ILspa, stazione appaltante, e Regione Lombardia (siglata nel dicembre del 2015), insieme al nuovo codice degli appalti, che dispone l’indizione di gare separate per la progettazione e per l’esecuzione, e alla variante al pgt del comune di Castiglione delle Stiviere, stiano determinato ritardi importanti, si stima difatti al 2020 la fine dei lavori. Il consigliere Pizzul ha voluto tuttavia evidenziare come, a determinare simili rallentamenti, abbia indubbiamente inciso anche la decisione di abbandonare il progetto iniziale, che prevedeva l’adeguamento delle strutture esistenti, per procedere con nuove edificazioni. Simile scelta ha fatto sì che Castiglione, da situazione di “eccellenza” nel panorama degli Opg (unica realtà ad essere uscita dal circuito penitenziario per entrare in quello sanitario) si trovi ora in “sofferenza”.

     

    Antimafia

    Non si è riunita.

     

    Rapporti tra Lombardia, Confederazione elvetica e Province autonome

    Non si è riunita.

     

    Riordino autonomie

    Non si è riunita.